Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 944
ROMA - 11/08/2016
Attualità - Finanziati 19 cantieri per un totale di 57 milioni di euro

Fondi dal Cipe per recupero beni culturali in Sicilia

Nel ragusano lavori a Ibla, Cava Ispica, Parco Forza e Kamarina Foto Corrierediragusa.it

Sono 19 cantieri e 57 milioni di finanziamenti per i Beni culturali in Sicilia. Il Cipe (Comitato interministeriale Programmazione economica) ha dato l’ok per il finanziamento di opere molto attese che interessano 7 province su 9 (restano fuori solo Messina e Trapani). Ragusa avrà due cantieri per il recupero di Cava Ispica (foto), uno per il parco della Forza a Ispica, uno per l’area archeologica di Kamarina e uno per il Convento di S. Maria del Gesù a Ibla (già presentato la scorsa settimana).

Il più grosso finanziamento va a Caltagirone. Nel museo della Ceramica calatino arriverà un cantiere da 8,6 milioni provenienti dal «Programma operativo nazionale Cultura e sviluppo». Dalla stessa fonte di finanziamento arriveranno gli interventi a Case Vinci di Aidone, nella Valle dei Templi (tre cantieri), all’ex Manifattura tabacchi di Catania, al Villino Favaloro di Palermo, alla Neapolis di Siracusa e nel parco archeologico di Gela (4 cantieri). Saranno finanziati invece attraverso i Piani di azione e coesione un altro intervento a Cava d’Ispica e uno all’Orecchio di Dionisio di Siracusa, che riceve il secondo finanziamento più grosso dopo il museo della Ceramica di Caltagirone.

Ieri il Cipe ha sbloccato per la Sicilia due miliardi e 300 milioni di euro e 332 milioni a testa per le città di Catania, Messina e Palermo. E poi ambiti di intervento precisi: infrastrutture, ambiente, sviluppo economico e produttivo, turismo e valorizzazione dei beni culturali, occupazione e lotta alla povertà, istruzione e formazione, rafforzamento della pubblica amministrazione. Ieri sera il Cipe ha dato il via libera a risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020 che sostanziano gli interventi previsti dai Patti per il Sud.