Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 788
ROMA - 13/11/2013
Attualità - Ripartirà ora con più vigore la battaglia per salvare i "tribunali minori" soppressi

Cassazione: sì a referendum per abrogare riforma tribunali

In Sicilia sono stati accorpati Mistretta, Nicosia e Modica

L´Ufficio Referendum della Cassazione ha dichiarato "l´ammissibilità" del referendum chiesto da nove Consigli regionali per abrogare la riforma della geografia giudiziaria che ha tagliato mille tribunali. Si tratta del il primo della storia repubblicana proposto dalle Regioni italiane.

La Cassazione l´ha dichiarato "ammissibile", e ora deve essere sottoposto al giudizio della Corte Costituzionale. E´, in sostanza, il referendum contro la chiusura dei "tribunali minori"" che aveva sollevato un polverone sotto il governo Monti.
La richiesta referendaria era stata fatta da ben nove consigli regionali dal nord al sud Italia: Marche,Puglia,Calabria, Basilicata,Liguria, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, con la Regione Abruzzo capofila. Basterebbe la proposta di sole 5 regioni per essere considerato valido.

Nel referendum si chiede l´abrogazione della nuova "revisione della geografia giudiziaria", entrata in vigore nello scorso settembre, definita dal ministro della Cancellieri una "riforma epocale". La riforma prevede la chiusura di 30 tribunali (ed altrettante procure), insieme a 220 sezioni distaccate e 667 uffici dei giudici di pace, per un risparmio complessivo di 80 milioni di euro e lo spostamento di 7 mila 300 dipendenti e 2 mila 700 magistrati. Una riforma che era stata aspramente criticata dagli avvocati, dai sindacati ma anche da vari comuni che protestavano contro al chiusura dei loro uffici giudiziari. In Sicilia i tribunali accorpati sono tre: Mistretta, Modica e Nicosia.