Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1010
ROMA - 27/05/2013
Attualità - In occasione della Giornata mondiale delle Confraternite

I Crucifissari di Vittoria accolti dal Papa

Sono stati ricevuti anche da mons. Rino Fisichella. Il presidente Campo: «Un Pontefice alla portata di tutti»
Foto CorrierediRagusa.it

Una Delegazione della Congregazione del SS Crocifisso di Vittoria si è recata in Vaticano in occasione della «Giornata Mondiale delle Confraternite e della Pietà Popolare». Il gruppo formato dai confratelli Leonardo Bordonaro, Alessandro Giarratana, Francesco Raffo, Rosario Sallemi guidati dal presidente Vittorio Campo è stato ricevuto dapprima dal Cardinale Prospero Grech per la benedizione e per uno scambio di saluti, poi da Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione al quale il Pontefice ha affidato l’organizzazione dell’intero «Anno della Fede».

Non poteva mancare l’incontro con l’assistente nazionale delle Congregazioni d’Italia, S.E. Mons. Mauro Parmiggiani. Un pellegrinaggio ha arricchito i «crucifissari» vittoriesi di un’ulteriore esperienza autentica e irripetibile caratterizzata soprattutto dall’incontro con il nuovo Papa Francesco.

Nella giornata culmine dell’evento, infatti, il Papa ha celebrato la funzione in piazza S. Pietro e ha rivolto un pensiero affettuoso ai numerosi presenti nonostante le avversità meteorologiche.

«Un pontefice alla portata di tutti - ha detto Vittorio Campo- che ci ha accolto in quell’immensa piazza dimostrando di essere uno di noi. Gesti che fanno la differenza e che i fedeli avvertono all’istante».

Il pontefice ha sottolineato che la missione dei confratelli «è quella di andare nel mondo a portare il messaggio di pace». Ha evidenziato proprio come dalle confraternite siano venuti fuori nel tempo Santi e Beati.

Sull’esempio del grande Papa Giovanni Paolo II, il nuovo Pontefice ha ribadito i concetti di «Evangelizzazione, Ecclesialità e Missionarietà», fondamenti della scelta di divenire «soldati di Cristo» per il bene della Pace e dell’Umanità.

Nella foto sopra, Mons. Rino Fisichella al centro con i crucifissari di Vittoria in Vaticano da sinistra Francesco Raffo, Vittorio Campo, Rosario Sallemi, Sandro Giarratana e Leonardo Bordonaro