Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1253
ROMA - 12/05/2012
Attualità - L’11 maggio a Bruxelles importante atto del Parlamento europeo

Approvata risoluzione Ue in favore dell’aeroporto Magliocco

L’europarlamentare catanese La Via spinge in favore di Comiso. La risoluzione prevede l’abbattimento delle barriere economiche e la limitazione di alcune pratiche commerciali delle compagnie low-cost come le tasse di prenotazione eccessive e le restrizioni sul bagaglio a mano. E da giorno 15 Digiacomo e Alfano protesteranno al sole
Foto CorrierediRagusa.it

Il ministro Corrado Passera è «angosciato» per la lenta ripresa dell’Italia e risentito per i pochi aiuti provenienti dalla Ue, però non si decide a incontrare il deputato comisano Pippo Digiacomo che ha fatto lo sciopero della fame per l’indifferenza del governo mostrata verso l’aeroporto di Comiso, il cui decollo farebbe volare anche la crescita dell’economia del Sud.

L’eurodeputato Giovanni La via dopo avere trattato le tematiche agricole spende alcune considerazioni in favore dello scalo comisano. Insieme agli altri europarlamentari del Pdl/Ppe ha votato una risoluzione Ue a sostegno degli aeroporti regioanli. «L’apertura dello scalo aeroportuale di Comiso è fondamentale che avvenga quanto prima per favorire lo sviluppo del Ragusano e di tutta la Sicilia sud-orientale». E lo dice da buon catanese, prima che eurodeputato, intravedendo la possibilità di cooperazione fra lo scalo etneo e quello ibleo.

La risoluzione chiede anche una migliore integrazione nella rete di trasporto europea per poter incrementare il turismo locale. «L’apertura dell’aeroporto a Comiso -prosegue La Via- anche come scalo commerciale, rappresenterebbe una boccata d’ossigeno per l’economia del Ragusano e aiuterebbe lo scalo catanese ad evitare situazioni di congestione del traffico aereo. Questo processo -sottolinea l’eurodeputato siciliano- deve avvenire attraverso una rinnovata priorità dell’agenda politica nazionale e regionale evitando soluzioni che impediscano una concorrenza sana e corretta».

Cosa prevede nei particolari questa risoluzione votata a Bruxelles? Abbattere le barriere economiche, limitare alcune pratiche commerciali delle compagnie low-cost come le tasse di prenotazione eccessive e le restrizioni sul bagaglio a mano, ma anche l’integrazione di una rete di trasporti a livello nazionale ed europeo che preveda lo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie.


«L’ottica europea –conclude La Via- è quella di favorire sempre più lo sviluppo delle zone più periferiche ed integrarle nel sistema internazionale. E’ chiaro che questo avviene anche grazie all’attivazione di infrastrutture aeroportuali come quella di Comiso che non possono più aspettare le lungaggini burocratiche per poter mettere in atto il proprio potenziale al servizio del territorio».


DOPO LA RISOLUZIONE UE APPROVATA, A COMISO RIPRENDE LA CONTESTAZIONE

Digiacomo e Alfano insieme al Magliocco: dopo il digiuno, per protesta la scottatura sotto il sole cocente

di Laura Incremona


«Ore sotto il sole». Riprende la protesta cominciata dall’onorevole Pippo Digiacomo per accelerare i tempi di apertura dell’aeroporto Magliocco, e questa volta con un seguito di tutta eccellenza. Sulla scorta del digiuno del deputato regionale, si è formato un coordinamento cittadino, composto da tutte le forze politiche presenti sul territorio. La pietra nello stagno, ha dunque cominciato a fare i cerchi. Davanti al silenzio del ministro Passera che aveva garantito un incontro con Digiacomo in tempi celeri, la politica locale ha deciso di fare fronte comune e compatto con chi per primo ha cominciato una forte protesta.

Nella nota del coordinamento cittadino, si legge infatti: «Le forze politiche e sociali di Comiso per riprendere la lotta iniziata dall’onorevole Digiacomo e vista l’assenza di risposte da parte del Governo per mantenere alta l’attenzione sulla infrastruttura che può dare spinta all’economia degli iblei iniziano una nuova forma di protesta: «Ore sotto il sole». La protesta inizia martedì 15 maggio presso la struttura aeroportuale in occasione della festa della Regione alle ore 10 e consisterà in sit in che si ripeteranno a distanza di una settimana aumentando progressivamente il numero delle ore di permanenza sotto il sole. I rappresentanti delle associazioni e/o partiti resteranno sotto il sole cocente in sit in per sensibilizzare e protestare nelle più svariate forme utilizzando per quanto possibile la struttura in modo alternativo».

Aderiscono a tale iniziativa e saranno presenti giorno 15: Cittadinanzattiva Comiso ( Raffaele Insacco ) Collettivo La Fabbrica e rete degli studenti ( Carmelo Di Bona ) Comitato cittadino (Giuseppe Poletti) Grande sud (Salvatore Cavalieri) Movimento per l’autonomia ( Giuseppe Saddemi) Partito democratico ( Salvatore Zago) Popolo delle libertà (Giuseppe Alfano sindaco ) Rifondazione comunista (Nunzio Bertino) Sinistra ecologia e libertà (Elio Pace ) Udc (Giuseppe Digiacomo ).


Nuove efficaci iniziative
13/05/2012 | 0.47.09
jack lo squartatore

Il digiuno non ha funzionato.
Proviamo con l´insolazione.
Male che vada si può provare col bunga bunga.
Fate venire Ruby Rubicuore...