Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 686
ROMA - 08/09/2011
Attualità - L’eiaculazione precoce e la disfunzione erettile sono i disturbi sessuali più diffusi tra i maschi italiani

Uomini stressati ma sessualmente "cacciatori" e virili

Sotto le lenzuola le donne cercano un compagno intraprendente, gli uomini una partner rassicurante
Foto CorrierediRagusa.it

Maschi italiani, certamente virili e cacciatori, ma sessualmente in difficoltà e stressati. Sono alcuni dei dati che saranno presentati alla Giornata mondiale della salute sessuale, dove si parlerà di sesso e di relazioni.

Alcune anticipazioni sono frutto di un sondaggio on line che segnala come l’eiaculazione precoce e la disfunzione erettile sono i disturbi sessuali più diffusi tra i maschi italiani. Della prima ne soffrono circa 4 milioni di uomini, della disfunzione rettile invece sono 3 milioni i maschi che ne sono colpiti, una percentuale del 13% che arriva al 50% tra la popolazione maschile ultrasettantenne. Ma anche tra quelli con un´età inferiore ai quarant´anni non si scherza, infatti ne soffrono circa il 15%.

Tra i più giovani il disturbo sembra legato a stili di vita e a motivi psicologici, stress in particolare. Mentre tra quelli più avanti con l´età la componente organica, ovvero l’avanzare degli anni, è prevalente".

Sembra che i maschi italiani soffrano sempre di più di disturbi sessuali, tra questi il 28% avverte un calo del desiderio, il 24% soffre di ansia da prestazione, mentre il 22% ha difficoltà a raggiungere l´orgasmo. L´altro dato interessante è che tra questi, il 24% ha risposto di non aver mai consultato un medico per "vergogna".

Nonostante tutto il maschio del terzo millennio, quando è sotto le lenzuola, resta un "cacciatore". È stressato dai modelli sociali, dagli stimoli che generano ansia da prestazione, non sessuale ma sociale. Dopo il lavoro torna a casa e, almeno quanto dichiarano, l´83% dei partecipanti al sondaggio, si occupa anche di faccende domestiche e collabora con la partner.

Poi, nell´intimità delle lenzuola, manifesta la sua virilità prendendo quasi sempre l´iniziativa. Molti uomini soffrono tuttavia di disturbi sessuali e allora, pur di conservare una reputazione all’altezza, 38 su 100 fanno ricorso ad un farmaco.

Vita difficile quindi per i maschi con difficoltà sessuali anche perché il 69% delle donne cerca un compagno intraprendente mentre gli uomini (69%) vogliono una compagna solo "rassicurante".