Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1620
ROMA - 19/07/2011
Attualità - Il Quirinale assicura l’impegno del Capo dello Stato in favore delle infrastrutture iblee

Infrastrutture, Napolitano risponde al presidente Antoci

E’ stato il consigliere del presidente Giorgio Napolitano, Salvatore Sechi, a inviare una nota a viale del Fante in risposta alla lettera che Antoci gli aveva fatto recapitare. «Questioni già poste al ministero dell’Economia»
Foto CorrierediRagusa.it

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (nella foto) non ha dimenticato la lettera che il presidente della Provincia di Ragusa Franco Antoci gli aveva consegnato nel mese di maggio scorso, con la quale si peroravano le due infrastrutture iblee urgenti come il raddoppio della Ragusa-Catania e l’aeroporto Magliocco di Comiso.

Il consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari giuridici e le relazioni costituzionali Salvatore Sechi ha risposto, a nome del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al presidente della Provincia di Ragusa Franco Antoci per quanto riguarda la realizzazione dell’autostrada Ragusa-Catania e il servizio di assistenza al volo per l’aeroporto di Comiso. Era stato lo stesso Antoci a consegnare al presidente Napolitano lo scorso maggio una lettera al Capo dello Stato durante il ricevimento al Quirinale dell’Ufficio di Presidenza dell’Upi per il 150° centenario dell’Unità d’Italia.

Il consigliere del presidente della Repubblica ha rassicurato Antoci che le questioni relative alle due infrastrutture della provincia di Ragusa sono state poste al ministero dell’Economia che a sua volta ha fatto sapere che «la Presidenza del Consiglio dei Ministri trasmetta lo schema definitivo di deliberazione del Cipe, mentre, per quanto concerne il provvedimento amministrativo necessario per l’entrata in funzione dell’aeroporto di Comiso «sono in corso approfondimenti di carattere finanziario da parte della Ragioneria Generale dello Stato».