Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1324
RAGUSA - 24/07/2010
Attualità - Ragusa: la superstrada che collegherà in modo veloce i due capoluoghi

Via libera del Cipe per realizzare la Ragusa-Catania

L’infrastruttura è stata inserita tra le opere infrastrutturali prioritarie insieme alla terza corsia della autostrada A4 Venezia-Trieste e costerà alla fine 850 milioni

Il comitato interministeriale per la programmazione economica, Cipe, ha dato il via libera alla convenzione tra Anas e privati per la realizzazione della Ragusa Catania. La superstrada che collegherà in modo veloce i due capoluoghi è stata infatti inserita tra le opere infrastrutturali prioritarie insieme alla terza corsia della autostrada A4 Venezia-Trieste e costerà alla fine 850 milioni. La convenzione è un passo fondamentale per avviare la gara di appalto ed affidare al general contractor il progetto dell’opera e la sua successiva gestione.

Da parlamentari ed istituzioni la decisione presa dal Cipe è stata salutata con grande favore anche perché , come sottolinea Nino Minardo, è stata messa in dubbio la parola a suo tempo data dal sottosegretario Gianfranco Miccichè, titolare della delega al Cipe, che aveva assicurato l’approvazione della convenzione slittata in un paio di sedute. La quota finanziata dal Cipe è di 218 milioni mentre il resto degli 850 milioni sono a carico della Regione,217 milioni, Anas, 100 milioni e del gruppo di società che con project financing dovranno realizzare la strada,448 milioni.

Il general contractor è costituito dalla Silec Pa, la Egis Project, la Maltauro e la catanese Tecnis spa ma proprio a fine maggio è entrato in campo il concorso formato da Pizzarroti, Impregilo, Itinera che concorrerà per l’appalto, facendo così allunghare i tempi di sei mesi per la sua aggiudicazione. Solo dopo l’approvazione del progetto esecutivo si potrà passare alla esecuzione dell’opera che si prevede ormai dall’inizio del prossimo anno con lavori da eseguire in più lotti.

Sono previsti anche cantieri notturni e la consegna è prevista entro cinque anni. Se tutto andrà per il verso giusto entro la fine del 2015 i 68 km della nuova Rg Ct vedranno la luce almeno secondo il crono programma illustrato lo scorso anno dall’Anas ma che dovrà essere minimamente aggiornato.