Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1239
RAGUSA - 18/07/2010
Attualità - Ragusa: uno scooterista avrebbe rischiato d’essere assalito

Allarme randagi nella zona industriale di Ragusa

A mettere in guardi è il presidente del parco commerciale "Isole iblee" Giovanni Corallo

Allarme sulla presenza di un gruppo di cani randagi nella zona industriale. A mettere in guardi è il presidente del parco commerciale "Isole iblee" Giovanni Corallo. Gli animali, che si muovo in branco, non solo arrecano disturbo, ma stanno anche diventando pericolosi per l´incolumità di chi si trova a percorrere le strade della prima fase dell´area industriale.

Corallo, in particolare, denuncia che «nel sito della prima fase si è registrato un tentativo di assalto di un branco composto da almeno cinque cani ad un soggetto che transitava a bordo di un ciclomotore. L´uomo ha rischiato di essere sbalzato dalla sella e cadere rovinosamente a terra». Proprio per l´aggressività dei cani, fa presente Corallo, il malcapitato è stato costretto a rifugiarsi nei locali di un´azienda, fortunatamente ancora aperta a quell´ora della sera».

L´allarme randagi all´interno della zona industriale non è nuovo. Già nelle scorse settimane c´erano state segnalazioni, ma finora non si era ancora registrato un tentativo di assalto alle persone. «Il problema – fa presente Corallo – ha bisogno di interventi urgenti. L´auspicio è che non si ripetano tragedie consumatesi in zone vicine, delle quali il ricorso è ancora vivo».
Il presidente del parco commerciale, proprio per scongiurare questa eventualità, ha inviato una nota al comando della Polizia municipale, ma anche al sindaco Nello Dipasquale e all´Ufficio veterinario dell´Asp. «E´ risaputo – ha messo nero su bianco – che da tempo nell´area industriale vive una nutrita popolazione di randagi, che ha già creato situazioni di pericolo. Tuttavia il problema è ancora presente, nonostante sia stato segnalato alla Polizia municipale».