Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 955
RAGUSA - 16/07/2010
Attualità - Ragusa: primo firmatario il consigliere Filippo Angelica

Legge su Ibla in consiglio e somme per il dipinto ritrovato

E’ stato il restauratore Sebastiano Patanè ad accorgersi del dipinto durante le operazioni di restauro di un paravento ligneo a Palazzo Garofalo

E´ stato presentato mercoledì sera durante la seduta del Consiglio Comunale dedicata al Piano di spesa della legge speciale 61/81, la cosiddetta Legge su Ibla, un atto di indirizzo che impegna l´amministrazione, testualmente, «ad appostare nel Piano di spesa 2011 somme adeguate per lo studio e la valorizzazione del ritrovato pittorico della scuola del Caravaggio e portato recentemente alla luce a Palazzo Garofalo».

Primo firmatario e proponente dell´atto d´indirizzo il consigliere di Ragusa Popolare-Udc, Filippo Angelica, che ha sottoposto l´azione d´aula a numerosi altri consiglieri trovandoli disposti a firmare il documento. A seguire la firma di Angelica sono stati i consiglieri: Massimo Occhipinti, Corrado Arezzo, Salvatore Fidone, Giorgio Firrincieli, Mario Chiavola, Mario Galfo, Santina Fazzino, Emanuele Pluchino, Rita La Terra, Emanuele Distefano, Vito Frisina, Mimì Arezzo, Franco Celestre, Giuseppe Di Noia.

«Si tratta di un atto di indirizzo molto importante – spiega il consigliere Angelica – che serve a dimostrare l´impegno di questa amministrazione nei confronti della cultura e, in questo caso in particolare, della conservazione del patrimonio culturale della città. Se poi venisse confermata l´attribuzione alla scuola del Caravaggio, o allo stesso Merisi, ci troveremmo davanti ad una scoperta senza precedenti. Non possiamo perdere tempo prezioso – conclude Angelica – e impegnare l´amministrazione a reperire il denaro sufficiente per lo studio di quest´opera è, almeno burocraticamente, un passo in avanti in attesa di fare luce sul mistero di questo dipinto".

E´ stato il restauratore Sebastiano Patanè ad accorgersi del dipinto durante le operazioni di restauro di un paravento ligneo a Palazzo Garofalo, il futuro museo della Cattedrale. Mentre si proseguiva nel restauro, infatti, fu notata la differenza di densità della vernice in alcuni punti e si è giunti alla scoperta di un «volto» proprio sotto l´area di intervento. Il rinvenimento è accaduto solo tre settimane fa e già ieri sera si è pensato ad un impegno economico a beneficio del recupero dell´opera.