Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 756
RAGUSA - 16/07/2010
Attualità - Ragusa: il consigliere Ilardo conferma l’impegno dell’amministrazione Dipasquale

Salta l´addio all´estate? La giunta ha dato il suo contributo

Dura presa di posizione dell’Ascom

«Ci uniamo alla dura protesta dell´Ascom e del Comitato Organizzatore consapevoli che il Comune di Ragusa ha confermato l´impegno degli anni precedenti per la festa dell´Addio all´Estate». Lo ha dichiarato il capogruppo Fi-Pdl al Consiglio Comunale di Ragusa, Fabrizio Ilardo, in merito alle notizie secondo le quali sarebbe a rischio la realizzazione della festa di fine stagione a Marina di Ragusa.

«L´Addio all´Estate è una manifestazione che da diversi anni ormai ha varcato i confini provinciali facendo registrare presenze che sfiorano le centomila persone. Inoltre – spiega Ilardo – per via del particolarissimo modo in cui i cittadini ragusani vivono la villeggiatura, la stagione finirebbe con l´ultima domenica di agosto in concomitanza della Festa di San Giovanni Battista, patrono di Ragusa, mentre l´Addio all´Estate prolunga la stagione di quei quindici giorni importanti per l´intera economia del quartiere».

«E´ per queste ragioni – aggiunge Ilardo – che l´amministrazione Dipasquale si appresta a confermare la liquidità economica accantonata negli ultimi quattro anni in un apposito capitolo del bilancio comunale: 15 mila euro. Si tratta di una somma che non è cambiata nel tempo e che, anzi, l´amministrazione Dipasquale, nel 2009, ha in un certo senso aumentato fornendo un palco ed uno spettacolo, raggiungendo così 20 mila euro circa».

«A nome dell´amministrazione comunale, posso garantire che l´appoggio dell´Ente Comune al comitato organizzatore ci sarà tutto. Piuttosto – conclude Ilardo – sarebbe opportuno che gli amministratori di altri Enti facciano un esame di coscienza, perché non è possibile che una manifestazione come l´Addio all´Estate, che coinvolge non solo la cittadinanza iblea, ma anche un elevatissimo numero di turisti, debba contare solo sulle forze del Comune o di pochi privati».

LA PRESA DI POSIZIONE DELL´ASCOM
«Non consentiremo che dopo 25 anni la festa dell’Addio all’estate a Marina di Ragusa chiuda i battenti. Inchioderemo alle proprie responsabilità gli enti locali che non avranno garantito il proprio appoggio». E’ perentorio l’intervento del presidente Ascom di Ragusa, Cesare Sorbo, circa la ventilata possibilità che la manifestazione clou dell’estate per la frazione rivierasca del capoluogo possa saltare.

«E’ una eventualità – prosegue Sorbo – che si tradurrebbe in danni inimmaginabili per gli operatori economici del posto che sperano anche in questa iniziativa per rimpinguare la propria attività già messa a dura prova dalla crisi economica. Si tratterebbe, se l’Addio all’estate non si terrà, di un colpo non da poco visto che, piuttosto che prolungare la stagione estiva sino a metà settembre e garantire ulteriori scampoli di quel turismo di cui tutti favoleggiano, la stessa verrebbe drasticamente interrotta a fine agosto, considerato tra l’altro l’uso dei ragusani di ritornare in città nei giorni conclusivi del mese in questione.

E’, soprattutto, una eventualità, quella della soppressione di una iniziativa che nel corso degli anni ha visto aumentare le proprie presenze sino a sfiorare le centomila persone in una sola giornata, che come associazione di categoria non vogliamo neppure prendere in considerazione visto che, quando si vuole, si trovano tutte le risorse che servono per sostenere iniziative di scarsissimo interesse mentre non si riesce a fornire un adeguato supporto ad un evento che fa crescere Marina e che ne rilancia le peculiarità turistiche in campo provinciale. Sarebbe come tornare indietro di un quarto di secolo». Sorbo va giù duro. «Annunciamo sin da ora – continua – che non faremo sconti alle Amministrazioni responsabili di questa perdita e che denunceremo con forza quello che, a tutti gli effetti, dal nostro punto di vista, è uno scempio economico senza pari».

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente provinciale Confcommercio, Angelo Chessari, che appoggia in pieno la linea della sezione comunale di Ragusa. «Non si può rinnegare una tradizione dai grandi numeri come quella dell’Addio all’estate – chiarisce Chessari – che ha fornito ricadute e benefici positivi per l’intero settore del commercio locale oltre che per la crescita generica di tutta la frazione rivierasca. Sarebbe davvero una beffa che al primo vero anno di attività del porto turistico, Marina dovesse rinunciare ad uno dei più consistenti motivi di attrazione della parte finale dell’estate».