Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1591
RAGUSA - 01/07/2010
Attualità - Ragusa: nuovi scenari per il conferimento del pattume

Il rebus monnezza dovrà essere risolto da Manno?

Riaprire S. Biagio e conferimento dei rifiuti del comprensorio di Vittoria a Gela. Sono questi i due obiettivi dei tre liquidatori dell’Ato Ragusa

Riaprire S. Biagio e conferimento dei rifiuti del comprensorio di Vittoria a Gela. Sono questi i due obiettivi dei tre liquidatori dell’Ato Ragusa. Fulvio Manno, Salvatore Campo e Giuseppe Sulsenti vogliono dare una accelerazione al problema smaltimento trovando soluzioni che siano compatibili con i costi e gestibili. Un accordo con l’Ato Caltanissetta 2 è stato innanzitutto sottoscritto dai liquidatori e prevede che i rifiuti di S. Croce, Acate, Vittoria e Comiso siano conferiti a Gela; da stabilire ancora la durata, non meno di un mese, non più di due.

Pozzo Bollente a Vittoria infatti chiude dalla prossima settimana ed i comuni ipparini eviteranno grazie all’accordo di andare a conferire a Mazzarrà S. Andrea come fanno da due mesi quelli del modicano. A questo proposito l’intenzione dei liquidatori è quello di approntare al più presto il progetto di messa in sicurezza della discarica di S. Biagio a Scicli dove tornerebbero i quattro comuni del comprensorio, Modica, Ispica, Scicli e Pozzallo. L’urgenza tuttavia è alle porte perché tra dieci giorni scade i contratto con la Tirreno Ambiente che gestisce Mazzarrà S. Andrea ed i quattro comuni dovranno sapere dove conferire i loro rifiuti a meno che non sia rinnovato il contratto.

I liquidatori pensano di bandire al più presto la gara per la messa in sicurezza di S. Biagio ma l’emergenza è proprio dietro l’angolo. An che a Ragusa non mancano i problemi visto che per ottenere l’autorizzazione dell’Arpa la discarica di cava dei Modicani deve essere monitorata per conoscere il suo grado inquinamento e per passare poi alle prescrizioni che devono essere concretizzate. E’ insomma una corsa contro il tempo per tutta la provincia ed il caso rifiuti potrebbe esplodere proprio nel cuore dell’estate.