Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 679
RAGUSA - 29/06/2010
Attualità - Ragusa: durante i lavori di restauro di un paravento ligneo, custodito a palazzo Garofalo

A Ragusa salta fuori un dipinto del Caravaggio?

Per il delegato al turismo Filippo Angelica si tratta di una scoperta importante Foto Corrierediragusa.it

Un dipinto del Seicento, forse addirittura della scuola del Caravaggio, è venuto alla luce durante i lavori di restauro di un paravento ligneo, custodito a palazzo Garofalo. La scoperta è avvenuta nei giorni scorsi per merito del restauratore Sebastiano Patanè, impegnato un un progetto finanziato dell´ufficio Beni culturali della diocesi.

«Durante la fase preliminare dell´intervento di restauro sul paravento – ha riferito Patanè – ci è parso di scorgere piccolissimi frammenti di colori non omogenei sul retro. Abbiamo quindi iniziato un delicato intervento con bisturi per "saggiare" meccanicamente delle piccole sezioni di legno del retro. Le indagini stratigrafiche del retro del paravento hanno consentito di portare alla luce, sotto quattro livelli di sovrapposizioni di materiali di varia natura, uno strato dipinto compatto e di ottima fattura caratterizzato da varie cromie».

È venuto così alla luce un volto definito «di indubbia qualità pittorica» che si presenta ancora in un discreto stato di conservazione. «D´accordo con Patanè – ha aggiunto don Giuseppe Antoci, responsabile dell´ufficio Beni culturali della diocesi – abbiamo deciso di andare più a fondo per capire meglio l´entità della scoperta».

E l´intuizione si è rivelata felice, perché le campionature effettuate lasciano presupporre una buona integrità del dipinto sottostante. Per procedere con il restauro e svelare per intero l´opera pittorica sono ora necessari ulteriori finanziamenti. da qui l´appello a fondazioni e istituzioni per poter recuperare un dipinto di grande rilevanza artistica.

IL DELEGATO AL TURISMO FILIPPO ANGELICA: "UNA SCOPERTA IMPORTANTE"
Per il delegato al Turismo del Comune di Ragusa, il consigliere Filippo Angelica, si tratta di una importante scoperta. «Desidero esprimere, innanzitutto, la mia più viva soddisfazione – ha detto Angelica – e ringrazio il restauratore Sebastiano Patanè che, con grande professionalità, ha saputo riconoscere la qualità artistica del dipinto nascosto nel paravento sottoposto a restauro. Dai primi rilievi sembrerebbe che l´opera possa essere riconducibile in qualche modo al Caravaggio o alla sua scuola. Questo è un dato che va appurato al più presto ed allo stesso tempo è necessario che ci si adoperi per reperire le somme necessarie a compiere sul paravento le ricerche dovute e le indispensabili operazioni di restauro».

«Se l´attribuzione al Movimento Caravaggesco dovesse essere confermata, e lo speriamo tutti – continua il delegato al Turismo Angelica – saremmo dinnanzi ad un ritrovamento di grandissima importanza che andrebbe ad arricchire, anche in favore delle nostre potenzialità turistiche, il patrimonio culturale e artistico che è nella disponibilità di nostro territorio. Bisogna allora essere consequenziali e non fermarsi alla fase del ritrovamento. Occorre attivarsi – conclude il consigliere – per andare a reperire risorse economiche da mettere a disposizione della ricerca scientifica sull’opera stessa. In questo senso va sensibilizzata la Soprintendenza prima e l’Assessorato regionale di riferimento dopo, affinché seguano da vicino le varie fasi di recupero da programmare e mettano a disposizione adeguate risorse».