Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 799
RAGUSA - 21/06/2010
Attualità - Ragusa: sono costituite da un presidente e dai sei docenti

S´insediano oggi le commissioni per gli esami di stato

La prima prova, in tutti gli istituti, è quella di Italiano, ed è prevista per domani, avrà la durata di sei ore

Si insediano oggi negli istituti superiori della provincia le commissioni per gli esami di stato. Le commissioni sono costituite da un presidente e dai sei docenti; tre docenti e lo stesso presidente sono stati nominati dal Miur e provengono da altri istituti. La giornata di oggi servirà a verificare innanzitutto quante e quali delle commissioni saranno nel loro plenum visto che si potrebbero verificare delle defezioni per malattie o problemi familiari da parte dei commissari designati.

L’unità costituita presso l’ufficio scolastico provinciale è pronta a rimpiazzare eventuali docenti e presidenti che non si presenteranno alla seduta di insediamento. Oggi le commissioni predisporranno innanzitutto il calendario degli esami e passeranno al vaglio tutta la documentazione riguardante le classi e gli alunni, in genere due classi per una massimo di 6070 alunni per commissione, e predisporranno tutti gli atti per l’esame di stato. La prima prova, in tutti gli istituti, è quella di Italiano, ed è prevista per domani, avrà la durata di sei ore.

Mercoledì si continuerà con la seconda prova, specifica per ogni tipologia di istituto, mentre l’ultima prova scritta, la terza, è in programma venerdì. Poi il via alle correzioni degli elaborati e quindi le prove orali che potrebbero cominciare già da martedì 29 per concludersi, a seconda del numero degli alunni da esaminare, attorno al dieci luglio. Per gli studenti sono ore di ansia e di attesa per affrontare al meglio la prima prova e tutti si interrogano in queste ore sulle possibili tracce dei temi.

Tra gli argomenti più gettonati l’unità d’Italia, i temi ambientali legati all’inquinamento e lo sviluppo tecnologico, l’immigrazione e sul versante letterario autori come Giovanni Pascoli e Gabriele D’Annunzio. Si tratta tuttavia di ipotesi da prendere con il beneficio d’inventario che non dovrebbero far perdere concentrazione agli studenti. L’attenzione è poi rivolta sulla terza prova in programma venerdì che attiene a cinque materie studiate nel corso dell’anno.

Si tratta della prova più ostica perché svaria su tutto il programma e deve essere svolta nell’arco di 90 minuti. Proprio sulla terza prova si è concentrata l’attenzione del ministro Maria Stella Gelmini che ha annunciato che dal 2012 la terza prova, al pari di quella della scuola media introdotta quest’anno, sarà redatta dall’Invalsi e somministrata su tutto il territorio nazionale.