Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 812
RAGUSA - 11/06/2010
Attualità - Ragusa: pochi giorni dalla pubblicazione degli studi per l’anno accademico 20102011

Università: quali facoltà da attivare a Ragusa? Mistero...

Il consorzio universitario di Ragusa ha insistito a Roma per mantenere i tre corsi di laurea con la pregiudiziale della facoltà di lingue in esclusiva ad Ibla ma il rettore dell’università di Catania, Antonio Recca, non intende fare marcia indietro

A pochi giorni dalla pubblicazione degli studi per l’anno accademico 20102011 non è possibile ancora conoscere quali facoltà saranno attivate a Ragusa. La riunione tenuta presso la sede del ministero a Roma non ha sciolto infatti i dubbi e le decisioni sono state rinviate al pomeriggio di lunedì. Giovanni Mauro, presidente del consorzio universitario di Ragusa, ha infatti convocato i parlamentari della provincia ed il Cda per decidere eventuali azioni da intraprendere alla luce delle risultanze della seduta del senato accademico che si terrà poche ore prima, lunedì mattina, a Catania. Sembra quasi una partita a scacchi con un punto di riferimento fisso e cioè la pubblicazione del manifesto degli studi che è fissata per martedì 15.

Il consorzio universitario di Ragusa ha insistito a Roma per mantenere i tre corsi di laurea con la pregiudiziale della facoltà di lingue in esclusiva ad Ibla ma il rettore dell’università di Catania, Antonio Recca, non intende fare marcia indietro: Lingue,seppure all’interno della facoltà di Lettere, sarà mantenuta anche a Catania. Dal comunicato ufficiale riguardante la riunione di Roma si parla di fattiva collaborazione tra università e consorzio, di apprezzamento da parte del ministero per il dialogo instaurato, ma a conti fatti le posizioni di Ragusa e Catania restano rigide ed il rinvio all’ultima ora non lascia presupporre nulla di buono.