Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1183
RAGUSA - 07/06/2010
Attualità - Ragusa: inaugurata la casa dello studente a palazzo Castillett ma il rettore Recca non c’era

Il quarto polo universitario della Sicilia muove i primi passi

Il piano che sarà presentato al ministero prevede due facoltà a Ragusa, due a Siracusa e quattro ad Enna

Apre la casa dello studente, ma servirà? E’ la domanda che si sono posti in molti all’inaugurazione di palazzo Castillett a Ragusa Ibla, costato quasi un milione e mezzo di euro, destinato ad accogliere 19 studenti con tutti i confort e la tecnologia più avanzata.

Ha fatto gli onori di casa Giovanni Mauro, presidente del consorzio, ma l’ospite più atteso non si è presentato. Il rettore dell’università di Catania Antonio Recca non si è fatto vedere dalle parti di Ibla dopo le polemiche con il consorzio universitario di Ragusa ed il contenzioso aperto. Recca d’altronde ha avanzato già la sua richiesta a Giovanni Mauro e cioè la sottoscrizione della convenzione entro lunedì prossimo se Ragusa vuole continuare ad avere un rapporto con l’università di Catania. Mauro è fiducioso e lo ha manifestato ai presenti a palazzo Castillett ma sul futuro universitario di Ragusa ci sono ancora nubi.

Fiducia è certamente venuta dalla riunione tenuta alla provincia dove il comitato promotore per la nascita del quarto polo universitario si è riunito. Ragusa, Siracusa ed Enna con i loro sindaci, i presidenti dei rispettivi consorzi universitari ed i presidenti della provincia interessati hanno già individuato il percorso. La Regione dovrà assicurare i finanziamenti e gli enti locali dovranno garantire le risorse che attualmente erogano ai rispettivi corsi. Secondo il piano elaborato quattro facoltà andranno ad Enna, due a Siracusa e due a Ragusa; nel capoluogo ibleo ci saranno certamente Lingue ed Agraria.


E’ con questa proposta che i presidenti dei consorzi universitari e delle provincie di Enna, Ragusa e Siracusa si presentano mercoledì a Roma per incontrare i vertici del ministero dell’Università ed il comitato regionale universitario della Sicilia.