Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 737
RAGUSA - 29/05/2010
Attualità - Ragusa: le preoccupazione degli insediati, che si sentono abbandonati

Zona industriale di Ragusa, un futuro sempre più incerto

Il presidente della Cna territoriale Giorgio Battaglia si dice perplesso

Il futuro della zona industriale di Ragusa preoccupa, e parecchio, gli insediati. Lo hanno detto a chiare lettere i diretti interessati, nel corso di un’assemblea dei titolari di piccole e medie imprese che esercitano la propria attività nell’area in questione. Convocata dalla Cna, l’assemblea si è tenuta al centro direzionale di via Psaumida, alla presenza del presidente della Cna territoriale di Ragusa, Giorgio Battaglia, del responsabile organizzativo, Antonella Caldarera, oltre che del componente della direzione nazionale Giuseppe Cascone. Ha partecipato ai lavori anche il segretario provinciale della Cna, Giovanni Brancati.

«Il quadro che ne è venuto fuori – dice Battaglia – è davvero desolante, così come temevamo. C’è tanto da fare in termini di decoro dell’intera area industriale, dal rifacimento del manto stradale, all’avvio di azioni di decespugliatura, per non parlare della questione della segnaletica. L’impressione che ne abbiamo avuta è come se gli insediati fossero stati abbandonati a loro stessi. E tutto ciò, così com’è – precisa Battaglia – non può andare».

Preoccupa, tra l’altro, anche la vicenda interna alla gestione del Consorzio Asi che dovrebbe garantire l’ordinaria manutenzione dell’area industriale. «Consorzio che al momento – conclude Battaglia – risulta essere commissariato e quindi non abbiamo interlocutori con le carte in regola per poter far valere le ragioni degli insediati». Durante l’assemblea è stato deciso che saranno convocati altri incontri, a breve, sullo stesso argomento per dare luogo ad un’opera di sensibilizzazione.