Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 987
RAGUSA - 23/05/2010
Attualità - Ragusa: Giovanna Tutone alla guida temporanea del consorzio dopo l’addio di Motta

L´Asi commissariato per un mese, lo sdegno di Leontini

"Lo sviluppo ed il sostegno alle imprese della provincia iblea vengono subordinati ai giochetti politici e di partito di Mpa e Pd"

Gianfranco Motta non è più presidente del Consorzio Asi. Si è insediato nella sede di contrada Mugno il commissario nominato dall´assessore regionale all´Industria Marco Venturi. Si tratta di Giovanna Tutone, funzionario regionale.

Il commissariamento del consorzio ragusano dovrebbe durare un mese o poco più. Infatti, entro trenta giorni i comuni di Pozzallo e Modica (che hanno revocato le precedenti nomine) e la stessa Regione dovranno procedere alla nomina dei rappresentanti nel consiglio generale. Quindi, si procederà all´elezione del nuovo presidente dell´Asi. Di candidature ce n´è una sola, quella del consigliere provinciale Salvatore Mandarà.

Gianfranco Motta ha lasciato il consorzio Asi dopo averlo guidato per un decennio, avendo svolto un doppio mandato di presidente. Ha passato le consegne al commissario ieri alle 13. Giovanna Tutone si rapporterà con il direttore generale Franco Poidomani.

Intanto l´on Innocenzo Leontini esprime con forza il suo "Sdegno nei confronti di chi - si legge in una nota utilizzando comportamenti scorretti nega al territorio ibleo la possibilità di nominare democraticamente i vertici dei propri enti, sottoponendo l’intera classe produttiva iblea ad una operazione di colonizzazione da parte della Regione Sicilia e del suo Governatore.

Ancora una volta - chiude la nota di Leontini - lo sviluppo ed il sostegno alle imprese della provincia iblea vengono subordinati ai giochetti politici e di partito di Mpa e Pd, che nulla hanno a che vedere con i veri interessi e le reali esigenze di aziende già fortemente provate dalla grave crisi economica ed occupazionale".