Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 891
RAGUSA - 09/05/2010
Attualità - Dieci km di pista ciclabile che attraversa la provincia tra muretti a secco, ulivi e carrubbi

Ragusa: una green way da tre milioni di euro

Il finanziamento dell’assessorato regionale alle Infrastrutture copre il tratto che va da Chiaramonte fino a Giarratana

Da Chiaramonte Gulfi a Giarratana attraverso Monterosso Almo: 10 chilometri piste ciclabili tra carrubi, ulivi e muretti a secco.

La Soprintendente di Ragusa, Vera Greco, ha annunciato il finanziamento del progetto di quella che si definisce «green way»; tre milioni e 300mila euro sono stati infatti stanziati dall’Assessorato Regionale alle Infrastrutture .

Il lotto finanziato è quello che va da Chiaramonte Gulfi a Monterosso (bivio Giarratana) e si inserisce nel più ampio progetto che, interessando la linea dismessa Siracusa-Ragusa-Vizzini-Val d’Anapo, coinvolge anche l’area siracusana. Il progetto, invece, del primo tratto «ibleo» - dalla Stazione Ferroviaria di Ragusa fino a Chiaramonte – inizialmente escluso per una difformità formale è in attesa del riesame per via di una variante già sottoscritta dal comune.


Gli interventi in programma, nell’ottica dello sviluppo sostenibile, prevedono opere di ingegneria naturalistica per il recupero, la manutenzione e il consolidamento del vecchio tracciato ferroviario, già libero dai binari, tramite il livellamento del terreno con terra consolidata, la messa in sicurezza di gallerie e le opere di recinzione. Per i cicloturisti verranno realizzate delle aree di sosta e svago opportunamente attrezzate e dotate di servizi e bar mentre all’inizio e alla fine del percorso ciclabile saranno realizzati due parcheggi e un’apposita segnaletica che indicherà i siti di maggior pregio, naturalistico e architettonico.

L’intero tracciato, con un lavoro enorme di ricostruzione dei dati catastali e delle molteplici ditte interessate, prima del protocollo di intesa è stato vincolato, dalla Soprintendenza di Ragusa, come area d’interesse storico ed etnoantropologico.

«Questo finanziamento – spiega Vera Greco – è funzionale alla promozione del futuro parco degli Iblei. E’ il frutto di un lavoro di squadra avviato due anni fa e confluito in un protocollo di intesa tra la Soprintendenza e la Provincia Regionale di Ragusa, l’Azienda Foreste Demaniali e i comuni montani di Giarratana, Monterosso e Chiaramonte Gulfi. L’approvazione della prima greenway iblea è poi in linea con le politiche dell’Assessorato per i Beni Culturali: è il primo passo verso la tutela attiva del territorio laddove il vincolo posto dall’ente di vigilanza va inteso come opportunità di sviluppo coordinato e sostenibile».

Questi i dati tecnici del tratto ibleo della pista ciclabile : dall’antica Stazione di Chiaramonte ,ml 845 slm, fino alla S.P. 62 in prossimità del bivio di Giarratana ,ml 601 slm, per una lunghezza di circa 10,090 km, supera un dislivello pari a 244 ml.