Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1205
RAGUSA - 29/04/2010
Attualità - Ragusa: mistero su accordo pro disabili fra ex Azienda ospedaliera e «Ferrarotto» Catania

"Giallo" su odontoiatria per disabili. Dov´è la convenzione?

Le Associazioni Pro Diritti H e «Noi con voi» indagano sull’accordo a suo tempo stipulato fra Calogero Termini e la Direzione del «Santo Bambino. Ettore Gilotta non risponde Sabina Fontana
Foto CorrierediRagusa.it

«Giallo» sul servizio di Odontoiatria speciale riabilitativa nel paziente disabile. C’era una convenzione fra l’ex Azienda ospedaliera «Maria Paternò Arezzo» diretta dal direttore generale Calogero Termini, con la direzione generale del «Vittorio Emanuele- Ferrarotto Santo Bambino» di Catania e adesso non c’è più. E’ stata interrotta e non se ne comprendono i motivi.

Si sa solo che l’interruzione del servizio ha provocato disagi ai bambini disabili iblei. I medici, periodicamente, svolgevano il loro servizio in provincia di Ragusa per evitare ai bambini di spostarsi a Catania. Il 24 luglio 2009, con una lettera a firma dell’allora direttore generale Calogero Termini, questa convenzione viene. Nella missiva indirizzata al direttore dell’azienda ospedaliera universitaria di Catania si legge: «La domanda sanitaria di questa utenza, viene garantita da altra struttura sanitaria della provincia».

Il «giallo» comincia qui. Secondo i rappresentanti delle associazioni di disabili, «Pro Diritti H» e «Noi con voi», a distanza di quasi un anno non solo il servizio di odontoiatria non esiste, ma non si è a conoscenza di alcuna struttura attrezzata per questa utenza così particolare. Infatti, proprio il coordinamento delle associazioni « Pro diritti H», a firma del presidente Sabina Fontana, ha inviato il 30 marzo scorso una lettera al direttore generale dell’Asp Ettore Gilotta, nella quale si legge: «Non ci risulta che tale struttura esista sul territorio. In caso contrario la preghiamo di fornirci ulteriori informazioni per indirizzare le famiglie presso questa struttura». Ad oggi, però, esattamente ad un mese dalla richiesta, l’associazione non ha ricevuto alcuna risposta. L’unica certezza è che i bambini disabili non dispongono più del servizio di odontoiatria riabilitativa e nessuno sa dire, o non vuole dire, il perché.

(Nella foto sopra, la sede dell´Asp Ragusa)