Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1022
RAGUSA - 13/04/2010
Attualità - Ragusa: in un bovino è stata riscontrata la sieropositività

Caso di "Blue tongue" nel Ragusano, manca il vaccino

Sono scattate le restrizioni riservate alle zone con infezione in atto. Nessun rischio per l’uomo

Un caso di infezione da "Blue Tongue", noto come il morbo della "Lingua blu" è stato accertato circa quattro giorni fa in un´azienda zootecnica del Ragusano. Si tratta di una delle 15 cosiddette aziende "sentinella" per monitorare il fenomeno e stroncare sul nascere eventuali infezioni, comme accaduto in questo caso. In un bovino è stata accertata la sieropositività al morbo della lingua blu, facendo scattare le restrizioni riservate alle zone con infezione in atto.

Niente a che vedere con il morbo della mucca pazza, come erroneamente riportato in precedenza. "Il morbo della lingua blu - come specifica il vice presidente provinciale della Cia Massimo Salinitro - non provoca infezioni o stati febbrili nè tra gli animali, nè tantomeno sull´uomo. Il morbo - conclude Salinitro - è assolutamente intrasmissibile e la situazione è del tutto sotto controllo, considerato anche che il caso è isolato".

Ma la vera sorpresa è venuta dopo, quando si è appurato che i vaccini contro il sieropositivo numero 8 e 2 non erano più disponibili al ministero della Salute, in quanto erano stati inviati in Piemonte e Veneto. Di stucco sono rimasti i dirigenti agricoli e dei servizi veterinari dell´Asp. Si è anche valutata l´ipotesi di affittare un camion per andarli a prendere nelle due regioni beneficiarie, ma non rientra nei poteri di un territorio assumere questo genere di azioni. L´iniziativa dovrebbe spettare alla Regione, che sta ancora valutando il da farsi.

Ieri mattina Salinitro si è messo in contatto con un funzionario dell´assessorato alla Sanità, il quale però si è preso una "settimana di tempo" per decidere quali azioni intraprendere, tenuto conto della singolarità del caso. Nessun rischio comunque per la salute pubblica dal punto di vista alimentare.