Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 759
RAGUSA - 27/03/2010
Attualità - Ragusa: la deputazione Pdl ai ferri corti sulla vicenda dei rifiuti

Bufera sull´Ato: Incardona difende Vindigni; Nino Minardo e Nello Dipasquale lo bocciano

Il parlamentare vittoriese tira in ballo Franco Muccio e il revisore dei conti Linguanti. Ma il deputato nazionale e il sindaco di Ragusa li bocciano: «Si dimettano il presidente e il Cda. Producono solo chiacchere» Foto Corrierediragusa.it

Sempre più tesi i rapporti fra il deputato regionale Carmelo Incardona, il sindaco di Ragusa Nello Dipasquale e il parlamentare nazionale Nino Minardo. Ad acuire le posizioni fra le parti, l’ultima conferenza stampa di Carmelo Incardona. Oltre a parlare dei rapporti all’interno del Pdl e della candidatura a sindaco, Incardona ha difeso a spada tratta la presidenza di Giovanni Vindigni, chiamando in causa, piuttosto, il revisore dei conti Salvatore Linguanti e il vicepresidente Franco Muccio.

La scintilla è scoppiata con la richiesta di dimissioni di Vindigni avanzata proprio da Dipasquale e Muccio. Incardona ha replicato: «L’Ambito rifiuti di Ragusa è uno dei migliori in Sicilia con un attivo di 13 milioni di euro in bilancio. La colpa di quello che accade è dei comuni che non pagano l’Ato. Ogni decisione presa dentro l’Ato è stata assunta di concerto con il vice presidente Franco Muccio e con il revisore dei conti Linguanti, uomini di fiducia di Dipasquale e Minardo».

Immediata e caustica la replica di Nino Minardo e Nello Dipasquale: «In riferimento al componente del Collegio dei Revisori dei Conti della società Linguanti- spiega Minardo-, sottolineo che lo stesso è stato nominato quando io non avevo ancora alcuna carica istituzionale, non ero stato eletto deputato e, dunque, nessuno venne da me a chiedere consigli o indicazioni di professionisti per il ruolo. Prendendo comunque per buono, per una sorta di proprietà transitiva, quanto afferma Incardona circa la vicinanza politica di Linguanti ribadisco di averlo invitato in più occasioni ed in tempi non sospetti a dimettersi, cosa che reitero anche in questa occasione proprio perché vedo in questo momento nell’Ato più interesse a far chiacchiera piuttosto che a risolvere i problemi».

Il sindaco Nello Dipasquale rincara la dose: «Circa il riferimento fatto dall’onorevole Carmelo Incardona sulla vicinanza politica al sottoscritto di Franco Muccio, attuale vicepresidente del CdA dell’Ato ed il conseguente invito a chiedere le sue dimissioni dall’alto incarico che ha nella società prima che io stesso parli di altre dimissioni, preciso che sull’argomento non ho dubbi alcuno a ribadire la mia certezza e cioè le dimissioni di tutto il CdA dell’Ato Ragusa Ambiente perché le questioni aperte sono tante, l’attuale vertice della società d’ambito ne ha chiuse poche e c’è un problema rifiuti in questa provincia che sta diventando una vera e propria emergenza».