Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 643
RAGUSA - 24/03/2010
Attualità - La rivoluzione nell’Isola con ricadute anche sul territorio ibleo

Ars approva legge sui rifiuti. A Vittoria situazione sbloccata

Lombardo: "Si tratta di una riforma che contiene i costi, riduce gli ato a 9 piu’ uno e pone le basi per dar vita ad un sistema virtuoso che punti sulla progressiva crescita della raccolta differenziata"

"Grande soddisfazione per l´approvazione di una legge che rivoluzionera´ il sistema dei rifiuti in Sicilia, dando respiro ad un settore in evidente difficolta´ e garantendo equilibrio di bilancio e servizi resi alla collettivita´".

Sono le dichiarazioni del presidente della Regione Raffaele Lombardo dopo
che l´Ars ha approvato l´articolato della legge sui rifiuti. "Si tratta di una riforma che contiene i costi, riduce gli ato a 9 piu´ uno e pone le basi per dar vita ad un sistema virtuoso che punti sulla progressiva crescita della raccolta differenziata". "E´ stato portato a termine un buon lavoro che ha consentito di dar vita ad una delle grandi riforme annunciate e sulle quali fa perno l´azione del Governo".

Intanto a Vittoria si è sbloccata la vertenza Icom: gli operai della discarica di Pozzo Bollente sono tornati al lavoro e i compattatori dei numerosi comuni iblei che conferiscono a Vittoria hannop ricominciato a depositare i rifiuti. La situazione si stava facendo particolarmente critica a Modica, con i cassonetti traboccanti di pattume in ogni angolo di strada.

A sciogliere i nodi è stata l’intermediazione dell’assessore vittoriese all’ambiente Filippo Cavallo, che ha ottenuto l’accordo tra Ato e Icom: la società d’ambito ha effettuato un mandato di pagamento per 70mila euro, con i quali l’azienda milanese potrà pagare i due stipendi arretrati dei sei operai in sciopero.