Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 755
RAGUSA - 18/03/2010
Attualità - Ragusa: richiesto un finanziamento di 15 milioni di euro alla Regione

Il porto di Marina di Ragusa sarà più sicuro e attraente

Previsto il rafforzamento del molo di ponente, impianti tecnologici ed un nuovo water front

Il progetto c’è ora bisogna trovare i soldi. Si tratta di 15 milioni di euro per rendere più attraente e funzionale il porto di Marina di Ragusa. Con il nuovo investimento il porto sarà reso anche più sicuro grazie al rafforzamento del molo di ponente quello più esposto alle mareggiate, che deve essere protetto per evitare che le onde interferiscano con l‘attività portuale ed in ultima analisi evitare che il molo subisca dei danni.

Il progetto è stato presentato alla regione ma potrebbe anche essere integrato con un progetto di finanza con l’intervento dei privati. L’amministrazione Dipasquale tuttavia è fiduciosa di ottenere tutto l’importo richiesto dai fondi regionali per la portualità. Gli interventi previsti a Marina di Ragusa riguardano la videosorveglianza, il servizio wi-fi e l’impianto di amplificazione, due servizi igienici sul pontile principale, il completamento degli spazi commerciali con negozi, bar e ristoranti.

Per i lavori sulla diga foranea i progettisti hanno invece previsto di utilizzare i blocchi in calcestruzzo abbandonati da venti anni su un’area di 30 ettari lungo la provinciale per S. Croce. La zona sarebbe così bonificata da un lato ed i blocchi saranno utilizzati per il fine per il quale sono stati realizzati.

L’amministrazione comunale tuttavia non pensa solo all’area portuale ma anche al lungomare, il cosiddetto water front; il lungomare Bisani sarà pedonalizzato grazie alla prossima apertura della circonvallazione che eliminerà di fatto la necessità di far confluire il traffico sul lungomare ad accezione dei residenti.