Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1398
RAGUSA - 11/03/2010
Attualità - Gli attori scherzano: "Rischiamo di fare un ottimo film"

"Canazza connection" con Rettondini e Scimemi a Rosolini

Per il regista Fabio Blanco si tratta di una sfida a tutti gli effetti
Foto CorrierediRagusa.it

«Rischiamo di fare un ottimo film», scherza Francesco Scimemi protagonista del film Canazza Connection presentato ufficialmente a Rosolini, nel siracusano, principale location del film. «Mi sto divertendo da pazzi – ha aggiunto l’attore che nel film interpreta il ruolo di Jonny Scornavacche – qui ho trovato dei fenomeni, a partire dal regista Fabio Blanco e tutta la cricca hanno una grande competenza». Tutto lo staff della Filmarte, che sta producendo il lavoro, è infatti composto da giovani talenti che hanno fatto un percorso di studi specifico e che sul set hanno dimostrato una grande professionalità. «Mi ha sorpreso la visione chiara del film – ha detto Scimemi - Loro il film ce lo hanno già in testa. Stiamo rischiando di fare un ottimo prodotto il che è inquietante. Appena ho avuto la sceneggiatura tra le mani mi sono messo subito a ridere. E’ particolare perché è spontanea. Rosolini certo non è il centro del mondo cinematografico quindi questa è una sfida a tutti gli effetti».

E ad accettare la sfida è stata anche l’attrice e importante personaggio televisivo Francesca Rettondini che nel film ha un ruolo centrale impersonando il commissario Marta Marziale, caparbia e dai modi precisi. «Questo gruppo di lavoro è fantastico, sono tutti giovani e preparati – ha commentato la Rettondini – lavorano con l’entusiasmo di fare un progetto insieme e farlo bene». Francesca Rettondini ha anche sottolineato la bellezza del copione nel quale non è stata inserita alcuna scena di contorno, cosa quasi inedita nel cinema. «Qui tutto ha un senso - ha commentato l’attrice - non c’è niente da buttare via o di margine. E’ questa la forza di questo film. In ogni scena c’è una scena forte» E facendo eco a Scimemi ha aggiunto: «Non rischia io sono sicura che diventerà un buon prodotto, dobbiamo trovare una buona distribuzione».

Un film che segna il debutto alla regia del giovane rosolinese Fabio Blanco, laureatosi al Dams di Bologna e con una grande passione cinematografica alle spalle. «Ho preso spunto da molti film per scegliere le giuste inquadrature e i piani sequenza – ha spiegato il regista – lavorare con Scimemi e la Rettondini non è cosa che capita tutti i gironi. Loro hanno capito benissimo cosa avevo in mante e prima di girare una scena fanno spesso riferimento a quel regista a cui mi sono ispirato. Ogni vota che scrivo una scena e la giro – ha poi detto Blanco – assumo il punto di vista dello spettatore, cerco quello che piace allo spettatore e so quello che piace ai critici cinematografici».

(Nella foto Francesca Rettondini e Francesco Scimemi)