Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1191
RAGUSA - 09/03/2010
Attualità - Ragusa: il progetto prevede d’accogliere circa 250 auto

Parcheggi piazza poste e Carmine-Putie, lavori in corso

Sacrifici anche per l’edicolante che dovrà sospendere l’attività. Passati i primi 45 giorni si procederà con gli scavi veri e propri
Foto CorrierediRagusa.it

Il momento dei lavori è arrivato. Dopo tanti incontri e scontri si scava in piazza poste (nella foto) a Ragusa centro per la realizzazione del parcheggio interrato. Si procede a tappe: per ora i lavori riguardano la recinzione della piazza e la rimozione sia della vasca centrale che del monumento dei caduti. Sacrifici anche per l’edicolante che dovrà sospendere l’attività. Passati i primi 45 giorni si procederà con gli scavi veri e propri.

I tempi per la realizzazione dell’opera sono stimati in 18 mesi e man mano che si andrà avanti, i disagi ed i disservizi non potranno che aumentare, dato che si andrà dal senso unico alternato in corso Italia fino alla completa interdizione dell’arteria. Lavori che quindi costringeranno gli automobilisti ad addentrarsi nelle strettissime vie del centro storico di Ragusa.

Il progetto che prevede d’accogliere circa 250 autovetture sarà realizzato da una società catanese con il progetto di finanza. La spesa prevista ammonta a 6 milioni e mezzo di euro, ma il comune non scucirà un centesimo in cambio della gestione del parcheggio per 33 anni da parte della ditta catanese.

«Siamo certi - dichiara il Sindaco nello Dipasquale - che l´inevitabile disagio che causerà l´apertura del cantiere ai residenti, ai cittadini, agli impiegati dei diversi uffici che gravitano nel centro storico, sarà ampiamente ripagato dai benefici che un´opera pubblica così importante porterà alla città; i nuovi parcheggi di Piazza Matteotti che si aggiungeranno a quello, quasi completo, di Carmine-Putie, saranno utili a soddisfare le esigenze della gente che deve poter facilmente fruire dei diversi servizi ubicati nel cuore della città in cui contiamo nel giro di qualche anno di poter aprire anche il Teatro comunale di Via Ecce Homo.»

PARCHEGGIO CARMINE-PUTIE COSENTINI: «FINE LAVORI PREVISTA PER IL 21 APRILE 2010»

«Nella giornata dell’apertura del cantiere per la realizzazione del parcheggio interrato di piazza Matteotti, è opportuno fare il punto della situazione anche sull’altra grande struttura in fase di completamento, il parcheggio Carmine-Putie». E’ il vicesindaco di Ragusa, Giovanni Cosentini, ad affermarlo nella qualità di assessore ai Lavori pubblici.

«Dopo la concessione del finanziamento con la Cassa depositi e prestiti con ricalcolo del tempo utile contrattuale in relazione ai lavori da eseguire – spiega Cosentini – il completamento dell’opera, da contratto, è fissato per il 21 aprile 2010. I posti auto previsti sono 126 mentre la superficie per ogni piano è di circa 800 metri quadrati circa. Non dimentichiamo che stiamo parlando anche di uno spazio di aggregazione e di un centro polifunzionale a prevalenza artigianale e commerciale. E per questo motivo l’Amministrazione comunale ha già tenuto delle riunioni con i rappresentanti di Cna, Ascom, Confindustria e le altre organizzazioni di categoria interessate per verificarne il migliore utilizzo.

Intendimento comune è quello di privilegiare lo strumento del Centro commerciale naturale di Ragusa, in fase di costituzione, per proseguire nell’azione di rivitalizzazione del centro storico superiore che, su spinta convinta del sindaco Nello Dipasquale, stiamo cercando di attuare. L’opera si è già avvalsa di un finanziamento con i fondi Pit pari a 2.100.000 euro mentre l’erogazione suppletiva con l’accensione di un mutuo con la Cassa depositi e prestiti è stata pari a 580mila euro.

I lavori sono risultati particolarmente complessi. Il Comune, per motivi di sicurezza, ha dovuto provvedere, con propri fondi, all’acquisto di alcune case in grave criticità e di contorno all’area perché con modeste vibrazioni sono rovinate ed essendo addossate le une alle altre, con effetto domino, hanno determinato il crollo totale di quasi tutto il comparto di contorno alle vie Finanze e Discesa Santa Maura. Oggi, però, siamo a poche settimane dal raggiungimento di uno degli obiettivi più ambiziosi che l’Amministrazione comunale si era posta per la riqualificazione del centro storico superiore della città».