Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 407
RAGUSA - 06/03/2010
Attualità - Ragusa: il vertice in Prefettura sulla problematica

Progetto pilota sul randagismo, la Regione non lo finanzia?

Il mezzo milione promesso non è mai arrivato nelle casse dei comuni di Scicli e Modica

La regione ha "dimenticato" di erogare il finanziamento del progetto pilota anti randagismo. Il finanziamento promesso è mezzo milione ma non è mai arrivato nelle casse dei comuni di Scicli e Modica, che sono i due enti più in prima linea anche perché colpiti dalla tragedia consumatasi in contrada Pisciotto proprio un anno fa. Il prefetto di Ragusa Francesca Cannizzo ha riunito attorno ad un tavolo i sindaci dei due comuni ed i funzionari del servizio veterinario dell’Asp di Ragusa. Per trovare una via di uscita rispetto ad una situazione stagnante il comune di Modica sottoscriverà una convenzione con l’Enpa, ente nazionale protezione animali, per monitorare il territorio così come ha fatto il comune di Scicli.

Saranno i vigili urbani dei due comuni ad organizzare i servizi di controllo del territorio, soprattutto lungo la fascia costiera e le zone immediatamente a ridosso per cercare di tenere sotto controllo un fenomeno che è lontano dall’essere estinto. Servono risorse e strutture; i veterinari insistono per applicare i microchip ai cani e per la sterilizzazione. Modica da questo punto di vista è in ritardo anche perché la gara per la sterilizzazione è andata deserta per ben due volte.

I veterinari hanno anche insistito per organizzare al meglio i servizi e chiedono di concentrare a Ragusa i due laboratori di Vittoria e Modica per le sterilizzazioni e di avere in dotazione dalla protezione civile delle gabbie video sorvegliate anche di notte. Il prefetto ha intanto ottenuto la disponibilità di un canile di Augusta per ospitare i cani che non è più possibile ospitare in canili della provincia. La riunione è stata aggiornata a fine mese per coordinare il lavoro svolto e verificare i passi intrapresi dai comuni.