Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1095
RAGUSA - 01/03/2010
Attualità - Ragusa: l’assessore regionale all’agricoltura promette interventi

Bufardeci a Ragusa per dare conforto agli agricoltori in crisi

Il sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, a nome di uno dei comuni più colpiti dalla crisi, ha scritto ai vescovi di Noto e di Ragusa per chiedere il loro sostegno

Titti Bufardeci dà conforto ma non molto altro ai comitati in rete degli agricoltori. La venuta in provincia dell’assessore regionale all’agricoltura, annunciata dopo l’incontro tenuto a Bruxelles, è servita per un confronto sui temi più scottanti della vertenza agricoltura, prezzo del latte, della carne, caduta dei prezzi dell’ortofrutta, crisi delle aziende, ma anche a capire come il governo regionale intende muoversi per aprire almeno uno spiraglio nella crisi che ha investito da tempo il comparto agricoltura.

Nella riunione tenuta nei locali dell’ispettorato agrario Bufardeci ha assicurato che il suo assessorato è in stretto contatto con il ministero dell’agricoltura per la redazione della relazione chiesta dall’Unione Europea e sulla base della quale potranno essere erogate sovvenzioni ma soprattutto essere dichiarato lo stato di crisi del comparto. "La relazione - ha detto l’assessore - è precisa e circostanziata ed attesta come negli ultimi tre anni la caduta dei redditi in tutto il comparto va oltre il 30 per cento". L’attesa è tutta concentrata sul documento, ma naturalmente non è stata questa la risposta che i movimenti dei comitati in rete attendevano; gli agricoltori appaiono oggi sfiduciati e quasi pronti a mollare anche se la classe politica è al loro fianco come ha dimostrato la riunione di Ragusa.

Dal canto suo il sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, a nome di uno dei comuni più colpiti dalla crisi, ha scritto ai vescovi di Noto e di Ragusa per chiedere il loro sostegno e la loro vicinanza per sostenere una battaglia che è di tutta la provincia ed in genere di tutta la Sicilia.