Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 827
RAGUSA - 17/02/2010
Attualità - Ragusa: solidarietà all’assessore provinciale per la vicenda dei concorsi revocati

La maggioranza fa quadrato attorno a Piero Mandarà

Contro l’amministratore si erano scagliati Iacono di Idv e Barrera di Mpa

La maggioranza fa quadrato attorno a Pietro Mandarà. Il presidente della amministrazione provinciale Franco Antoci rinnova la sua fiducia all’assessore al personale ed anche il presidente del consiglio, Giovanni Occhipinti, scende in campo per difendere Pietro Mandarà. «Ha interpretato al meglio la volontà della maggioranza- dice il presidente Antoci.

«Ha la mia totale stima –dice il presidente Occhipinti che difende anche l’operato del dirigente del settore personale che ha adottato l’atto di revoca del bando per quattro posti di dirigente a palazzo del Fante. Il comportamento dell’assessore è stato censurato da Pietro Barrera, Mpa, e Giovanni Iacono, Idv, che ne hanno chiesto le dimissioni. «Non mi dimetto- risponde Mandarà. Sarà il presidente Antoci , casomai a ritirami la delega che mi ha affidato. E non ho mentito in consiglio.

Ho risposto al consigliere Iacono su una interrogazione che non aveva alcuna attinenza con la richiesta orale avanzata da Iacono. Barrera ed Iacono fanno gratuita grancassa e sanno bene che le procedure concorsuali sono state ritirate proprio come dicevano loro. Al consigliere Barrera non rispondo pubblicamente perché mi riservo di farlo in privato. Dico solo che è un fulgido esempio di incoerenza».

LA PRESA DI POSIZIONE DI MPA E IDV
"L’assessore al personale ha mentito e si deve dimettere". Giovanni Iacono, Idv, e Pietro Barrera, Mpa, a muso duro contro Piero Mandarà sull’annullamento dei concorsi per dirigenti alla provincia regionale. «Ho chiesto personalmente all’assessore Mandarà in sede di consiglio – dice Giovanni Iacono- di sapere se i concorsi erano stati banditi. Mandarà ha detto davanti a tutti che non c’erano novità per poi insistere nella sua posizione».

IdV ed Mpa si sono poi ritrovati con i bandi ufficializzati di cui hanno appreso solo attraverso la stampa. Pietro Barrera e Giovanni Iacono hanno insistito sulla loro posizione in sede di conferenza stampa e vogliono creare il caso politico su una vicenda che è nata male prima con il bando dei concorsi, poi con la revoca e con in mezzo tutta una serie di marce avanti ed indietro che non hanno contribuito alla chiarezza. Anche perché nel frattempo l’amministrazione provinciale ha ritirato i bandi per un approfondimento della questione ma Iacono e Barrera chiedono comunque la testa dell’assessore.