Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 477
RAGUSA - 24/12/2009
Attualità - Ragusa: dopo l’approvazione del consiglio comunale di 24 piani di recupero delle contrade abusive

Ragusa: le nuove zone dove si potranno edificare villette

Una politica ancora una volta censurata dal Pd

Approvati dal consiglio comunale con 20 voti favorevoli del centrodestra e l´astensione di Salvatore Martorana dell´Idv i 24 piani di recupero delle contrade abusive, formalizzando così un altro importante strumento di pianificazione urbanistica, peraltro collaterale al nuovo Prg. Restano ora da definire, sostanzialmente, solo i piani particolareggiati del centro storico.

I consiglieri del Pd hanno invece abbandonato l´aula dopo la vana richiesta di un aggiornamento della seduta per altri impegni politici e la bocciatura del loro maxi-emendamento. Con i piani di recupero potranno essere costruite legittimamente altre mille abitazioni circa, in massima parte destinate a case di villeggiatura.

Tra le altre contrade interessate, vaste aree limitrofe o sovrastanti Marina di Ragusa quali Cerasella, Principe, Fontana Nuova, Castellana, Palazzo Vecchio, Villaggio 2000, Gatto Corvino, nonché una miriade di zone rurali, alla periferia della città: da Puntarazzi a Cisternazzi, passando per Tribastone, Conservatore e Bruscé-Serralimena.

Si potrà costruire in tutti i vari lotti interclusi, secondo indici calcolati sulla base media dei lotti dei singoli Piani. Al massimo, però, potrà essere edificato il 50 per cento del suolo disponibile, perché la restante metà dovrà essere ceduta per perequazione al Comune, al fine di realizzare le opere di urbanizzazione secondaria. Anche per i lotti minimali, quelli cioè inferiori alla media dei lotti del singolo piano, sarà possibile l´edificazione, ma anzichè cedere il 50 per cento in perequazione, i proprietari dovranno pagare gli oneri. L´edificabilità sarà sempre e e comunque limitata al 50 per cento del fondo di proprietà.

Una politica ancora una volta censurata dal Pd: «Dopo i nuovi 12 mila posti letto delle aree Peep, i 9 mila che arriveranno con i Ppe – dichiara Giuseppe Calabrese del Pd – con le regole che fondano questi Piani di recupero, si creano altri 4mila posti letto. La previsione di 100 mila abitanti per una Ragusa ferma a 72 mila e che continua a non crescere è certamente sovradimensionata. Perché sovradimensionate sono le aree Peep e altrettanto sovradimensionati sono almeno 17 dei 24 Piani. Con il nostro emendamento - conclude Calabrese - fermo il diritto di costruire nei lotti interclusi, si voleva però evitare di creare nuove aree edificabili, così come invece si è fatto per ben oltre la metà dei siti interessati".