Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1087
RAGUSA - 20/12/2009
Attualità - Ragusa: il comune capoluogo migliora di cinque punti nella classifica del quotidiano economico

Qualità vita: Ragusa seconda in Sicilia per Il sole 24 ore

A livello nazionale ci si deve accontentare dell’86ma posizione Foto Corrierediragusa.it

Ragusa migliora di cinque punti nella classifica sulla qualità della vita elaborata dal Sole 24. Il capoluogo ibleo è secondo in Sicilia, pur essendo ad un modesto 86mo posto in classifica finale, dunque nella parte bassa della graduatoria guidata da Trieste che risulta la città dove si vive meglio in Italia, seguita a ruota da Belluno e Sondrio.

In Sicilia è Enna la prima provincia dove si vive bene, mentre Agrigento si piazza al poco onorevole ultimo posto. La classifica è la risultante di sei macro settori in cui sono analizzati diversi elementi che contribuiscono alla qualità della vita come istruzione, sicurezza, ambiente, lavoro. Ragusa ha un buon 34mo posto per l’ordine pubblico, dove migliora di ben 16 posizioni rispetto allo scorso anno.

Anche per quanto riguarda l’ambiente la nostra provincia va bene, grazie alle scelte ultimamente intraprese dal sindaco del comune capoluogo Nello Dipasquale;sono ben 21 le posizioni scalate in ambito nazionale, rispetto allo scorso anno: dal 103mo posto all’86mo. In tutti gli altri settori Ragusa invece peggiora, come nel tempo libero, dove passa dall’86mo al 98mo posto. Per i dati relativi alla popolazione ed all’istruzione, Ragusa peggiora, retrocedendo dal 50mo dell’anno scorso al 57mo.

La graduatoria farà ancora una volta discutere, ma offre comunque alcuni spunti di soddisfazione soprattutto per l’ambiente e l’ordine pubblico. Molto resta da fare in particolare per i giovani, ottenebrati dall’incubo disoccupazione, a causa delle scarse opportunità di lavoro che spinge. In tanti preferiscono dunque cercare miglior fortuna altrove, anche all’estero.