Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 837
RAGUSA - 28/11/2009
Attualità - Ragusa: da piazza S. Giovanni a via Roma, da viale Tenente Lena a piazza Libertà

Nuovo volto per il centro storico di Ragusa superiore

Grazie allo stanziamento di 40 milioni di euro
Foto CorrierediRagusa.it

Da piazza S. Giovanni a via Roma, da viale Tenente Lena a piazza Libertà. Per il centro storico di Ragusa superiore si annuncia un completo restyling grazie al progetto esecutivo di riqualificazione approvato dalla commissione risanamento. L’obiettivo è quello di rivitalizzare e rendere più fruibile il salotto buono della città, grazie ai 40milioni di euro stanziati.

E’ via Roma la zona dove la mano degli urbanisti si vedrà di più grazie al basolato in pietra bianca e pietra lavica, alle aiuole, agli alberi, alle panchine. Sarà un centro storico socializzante dove la gente avrà piacere di stare, passeggiare ed incontrarsi. La nuova via Roma non sarà tuttavia un’isola pedonale, almeno per il primo momento visto che l’amministrazione vuole assecondare le richieste dei commercianti.

Per via Roma sono pronti un milione e mezzo di euro che potranno essere integrati, se necessario, con il bilancio del prossimo anno. Il progetto prevede nel dettaglio il rifacimento della rete idrica nel tratto di strada interessato, la ripavimentazione con basole di pietra bianca e nera, due fontanelle in ghisa, panchine e porta cestini in pietra, un impianto di illuminazione.

Il sindaco Nello Dipasquale (nella foto) ha annunciato in sede di conferenza stampa di presentazione del progetto un intervento più ampio che dovrebbe migliorare l’attuale assetto di piazza Libertà, destinata a diventare isola pedonale grazie anche al coinvolgimento dell’Eni. Il nuovo volto della città superiore si completerà poi con la trasformazione del palazzo Ina in albergo a cinque stelle e la riapertura in via Ecce Homo del teatro della Concordia.