Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 773
RAGUSA - 26/11/2009
Attualità - Ragusa: bufera sul comitato provinciale della Cri

Dimissioni di Giovanni Beretta da commissario della Croce Rossa Italiana

«Non posso continuare ad occupare una carica prestigiosa perché essa viene svuotata da comportamenti del tutto inaccettabili di buona parte del personale, mai sanzionati da chi avrebbe avuto il dovere di intervenire»

E’ bufera sul comitato provinciale della Croce Rossa. Giovanni Beretta si è dimesso da commissario dopo nove anni di guida del comitato e le sue dimissioni seguono di qualche giorno quelle del direttore Corrado Santocono. Non è escluso che gli organismi nazionali della Croce Rossa inviino a breve un ispettore centrale il comitato provinciale dopo la circostanziata denuncia inviata da Giovanni Beretta al ministro Renato Brunetta. La situazione all’interno del comitato ragusano della Cri è da tempo precaria per l’alto grado di conflittualità tra il presidente e la maggior parte dei dipendenti.

Beretta non si è sentito ascoltato dai vertici regionali e nazionali ed ha deciso dunque di dimettersi non senza reiterare il suo punto di vista. «Non posso continuare ad occupare una carica prestigiosa - scrive Beretta - perché essa viene svuotata da comportamenti del tutto inaccettabili di buona parte del personale, mai sanzionati da chi avrebbe avuto il dovere di intervenire». Il commissario provinciale ha fatto riferimento al sabotaggio delle autoambulanze de della centralina telefonica ed alla forzatura dell’armadio nel quale è custodito il protocollo ed alcuni documenti riservati.

Giovanni Beretta si è inoltre sentito screditato dai dipendenti che, rileva, hanno chiesto ben 780 ore di straordinario in appena 53 giorni lavorativi. L’iniziativa di Beretta chiude sicuramente un ciclo quasi decennale alla Cri ragusana m i sindacati non sembrano particolarmente preoccupati. «Nelle relazioni sindacali – dice Paolo Nativo della Ugl- si era ormai superato da tempo ogni limite».