Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 685
RAGUSA - 24/11/2009
Attualità - Ragusa: l’emendamento del consigliere comunale del Pdl Emanuele Distefano

Presto nei cimiteri di Ragusa ben 3mila 328 nuovi loculi

"Superfluo sottolineare la valenza di questo emendamento che punta a risolvere problemi atavici"
Foto CorrierediRagusa.it

Nei cimiteri di Ragusa saranno realizzati 3mila 328 nuovi loculi. E’ il senso dell’emendamento presentato dal consigliere comunale del Pdl Emanuele Distefano (nella foto), inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche approvato questa mattina a palazzo dell’Aquila. L’emendamento prevede l’inserimento nel piano, con riferimento all’annualità 2010, delle seguenti opere pubbliche: 903 loculi nel cimitero di Ragusa centro, con un importo complessivo di 2 milioni 540mila euro, fonte di finanziamento a totale carico del concessionario richiedente.

2mila 305 loculi nel cimitero di Ibla, per un importo complessivo di 4 milioni di euro, fonte di finanziamento, anche in questo caso, a carico del concessionario richiedente.

120 loculi nel cimitero di Marina, importo complessivo 252mila 456 euro, fonte di finanziamento a totale carico del concessionario richiedente. La documentazione comprovante la progettazione preliminare è già depositata presso gli uffici tecnici comunali competenti.

«Superfluo sottolineare – chiarisce il consigliere Distefano – la valenza di questo emendamento che punta a risolvere problemi atavici dei nostri cimiteri. Doveroso ringraziare, per la collaborazione prestata ai fini dell’ottenimento di tale riconoscimento progettuale, il sindaco, Nello Dipasquale, l’assessore al ramo e la maggioranza di centrodestra che non solo ha condiviso il contenuto dell’emendamento ma l’ha difeso dagli attacchi del centrosinistra che non ha votato l’atto».