Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1410
RAGUSA - 20/11/2009
Attualità - Il maggior numero dei vini premiati fa riferimento alla Sicilia orientale

L’eccellenza dei vini siciliani in 46 etichette

Sono due spumanti, dieci bianchi, 25 vini rossi e nove vini dolci i cinque stelle della Sicilia nella graduatoria stilata da un panel di esperti

L’eccellenza dei vini siciliani in 46 etichette. Sono due spumanti, dieci bianchi, 25 vini rossi e nove vini dolci i cinque stelle della Sicilia nella graduatoria stilata da un panel di esperti per la guida edita dal Giornale di Sicilia. Le etichette sono state divise per aree di appartenenza per rispettare al massimo la territorialità dei vini selezionati con l’isola divisa in tre grandi aree identificabili con il sud est, il palermitano e la parte centrale della Sicilia o se volete il Val di Noto, il Val Demone ed il Val di Mazara come nella tradizione.

Il maggior numero dei vini premiati fa riferimento alla Sicilia orientale per un trend ormai stabilizzato che ha spostato l’asse dal trapanese e palermitano all’area etnea ed iblea, presenti rispettivamente con sette e cinque etichette. Trapani comunque è la provincia più premiata, 13 aziende, con tre bianchi – segnaliamo il Gadì 2008 dell’azienda Murana di Pantelleria ed Quater bianco 2008 di Firriato, Paceco. Non ci sono bianchi orientali nei vini di Sicilia 2010 ma solo rossi. Tra questi due di Chiaramonte Gulfi, il Nero Buffaleffi ed il Cerasuolo di Vittoria, entrambi dell’azienda Gulfi.

La provincia di Ragusa è presente con un altro Cerasuolo della Cos di Vittoria e due bottiglie della Avide di Comiso, sempre di Cerasuolo. Catania è ben presente con aziende dell’Etna come la Tenuta delle terre nere che produce il Doc Etna di Don Peppino 07. Per i vini dolci ancora Trapani a prevalere con il Donna Franca della Florio di Marsala ma c’è anche l’Heratè del Feudo Arancio di Sambuca nell’agrigentino; non manca la classica Malvasia di Hauner di Salina ed il Ben Rye,passito di Pantelleria.

La Sicilia si conferma terra di vini di qualità con una offerta differenziata ed aziende che si affacciano sul mercato con tutti i fondamentali per sfondare. La selezione di 900 vini e 160 cantine da parte degli autori della guida conferma una presenza ormai consolidata nel panorama delle eccellenze nazionali ed oltre.