Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 501
RAGUSA - 19/11/2009
Attualità - Ragusa: il virus AH1N1 colpisce due volte, a Vittoria e nel capoluogo

Virus AH1N1: 2 decessi ieri in provincia in meno di 5 ore

Giuseppe Grimaldi è deceduto nella mattinata al "Guzzardi" di Vittoria; Vincenzo Celestre nel pomeriggio nella sala Rianimazione del "Civile" di Ragusa. C’è grande preoccupazione in provincia Foto Corrierediragusa.it

Due decessi si sono registrati ieri per cause collegate al virus influenzale AH1N1. A poche ore dalla morte del vittoriese Giuseppe Grimaldi, un altro decesso s´è veriricato nella città di Ragusa. E´ morto anche Vincenzo Celestre, 43 anni, agricoltore di Ragusa, ricoverato al "Civile". Grimaldi è morto nella mattinata nella sala di Rianimazione del "Guzzardi" di Vittoria, Celestre è deceduto nel pomeriggio in sala di Rianimazione del Civile di Ragusa.

Vincenzo Celestre era stato ricoverato alcuni giorni fa dopo che aveva accusato febbre alta mentre volgeva la sua abituale attività di allevatore. Le condizioni generali dell´uomo, di forte fibra e solo in eccesso di peso, non destavano eccessive preoccuazioni. Ieri le condizioni dell´allevatore si sono improvvisamente aggravate tanto da portarlo alla morte per deficienza respiratoria. Il cadavere sarà trasferito all´Ismett di Palermo a bordo di un mezzo speciale per gli esami del caso.

Ben diverse le condizioni del vittoriese morto in mattinata. Giuseppe Grimaldi era giunto all´ospedale nei primi giorni di novembre in condizioni disperate, quasi in una fase terminale. E’ deceduto per una fibrosi polmonare e artrite reumatoide. Ottimismo dei medici zero, dunque, anche perché lo sfortunato pensionato, a causa della grave patologia pregressa, era continuamente in crisi respiratoria e ormai esposto a qualsiasi aggressione batterica. Da giovane aveva lavorato nel settore dell’alluminio. Tutti i giorni stava a tagliare sbarre di alluminio.

I casi accertati di A/H1N1 in provincia di Ragusa sono dodici, cui vanno aggiunti due casi sospetti per due bambini nati una settimana fa da una trentenne di Caltagirone e ricoverata al Maria Paternò Arezzo di Ragusa. I dati sono stati forniti dall’azienda sanitaria provinciale che ha fatto il punto della situazione sulla base dei ricoveri negli ospedali di Ragusa, Modica e Vittoria. Un altro caso piuttosto grave riguarda uno sciclitano di 44 anni, trasferito all’Ismett di Palermo dal reparto di rianimazione del Maggiore.

L’uomo accusa difficoltà respiratorie. Altri sette sono i pazienti ricoverati al reparto di malattie infettive del Maggiore; di questi sei sono risultati positivi all’influenza A. Una bambina di due anni è ricoverata a Ragusa mentre a Vittoria sono due i ricoverati ed a Scicli si trova una donna di 40 anni di Modica. Il bel tempo di questi giorni non facilita il diffondersi del virus ma i medici temono che con l’arrivo del freddo e della pioggia la situazione possa peggiorare.

Nelle scuole, soprattutto alle elementari, le assenze sono poco più superiori alla media stagionale; i dirigenti scolastici hanno raccomandato la stretta osservanza delle regole di igiene personale per non favorire il diffondersi del virus. I medici di famiglia sono sul chi vive e seguono da vicino i pazienti che manifestano sintomi anche lievi di influenza attenendosi alle direttive dell’Asp che raccomanda di non intasare i pronto soccorso con la richiesta di visite e ricoveri. Continua intanto la campagna di vaccinazione grazie alla fornitura di nuove dosi assegnate alla provincia di Ragusa.