Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 597
RAGUSA - 28/10/2009
Attualità - Ragusa: la classifica di Legambiente

«Ecosistema urbano 2009»: Ragusa scala di 18 posizioni

Il capoluogo ibleo è ora primo in Sicilia

Ragusa inverte la rotta e scala diciotto posizioni. Il capoluogo ibleo è ora primo in Sicilia nella classifica «Ecosistema urbano 2009». Si tratta della 19ma edizione della ricerca di Legambiente e dell’istituto di ricerche ambiente Italia in collaborazione con il «Sole 24ore» che fotografa lo stato di vivibilità dei capoluoghi italiani.

I parametri presi in considerazione sono ben 125 e vanno dalla mobilità alternativa, all’uso di fonti energetiche, consumi idrici, alla raccolta dei rifiuti, alla qualità dell’aria. Negli ultimi due anni Ragusa si era classifica all’ultimo posto facendo arrabbiare non poco il sindaco Nello Dipasquale ma la classifica 2009 premia alcune scelte fatte dall’amministrazione e colloca la città nella media del Sud che è 42,2 punti mentre Ragusa arriva a 40,62. Le città più virtuose sono tutte al nord e Perugia è invece la capofila del centro sud.

Catania è invece ultima con appena 23.02 punti. I fattori apprezzati dalla ricerca sono state la presenza di centraline che consentono di verificare le polveri sottili, il gran numero di impianti fotovoltaici con una media ben cinque volte al di sopra di quella nazionale. Ragusa raggiunge buoni risultati anche nel contenimento dei consumi idrici domestici e nella depurazione. La raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani si ferma al 13 per cento a fronte del 27 per cento della media nazionale, ma su questo punto il dato è destinato a migliorare sin dal prossimo anno con l’avvio della raccolta porta a porta nel centro storico della città.

I ragusani non usano i mezzi pubblici che sono spesso e volentieri semi vuoti e l’indagine registra anche un alto consumo di benzina ben oltre la media nazionale. Ci sono insomma troppe macchine e motorini in giro e di contro poche aree verdi pur se lo spazio è aumentato rispetto all’ultimo anno. Dalla ricerca emerge che in città non ci sono inoltre zone a traffico limitato o isole pedonali ed in questa direzione l’amministrazione Dipasquale dovrà muoversi se vuole acquisire ulteriori punti nella classifica 2010 pensando alla chiusura per esempio di via Roma. Il sindaco è comunque soddisfatto « La classifica di Legaambiente è uno stimolo a far meglio; pedonalizzazione e raccolta differenziata sono le scelte sulle quali l’amministrazione è impegnata sin da ora».