Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 625
RAGUSA - 18/10/2009
Attualità - Ragusa: solo il 35 per cento degli assegnatari paga regolarmente il canone

Otto milioni e mezzo per i fitti case popolari da riscuotere

Giovanni Cultrera, presidente dello Iacp, è intenzionato ad andare avanti nella sua campagna moralizzatrice

Otto milione mezzo da riscuotere per i fitti delle case popolari. In provincia di Ragusa solo il 35 per cento degli assegnatari paga regolarmente il canone e lo Iacp affonda nei debiti. Non ha soldi da investire in nuovi alloggi né sulle manutenzioni e Giovanni Cultrera, presidente dello Iacp, è intenzionato ad andare avanti nella sua campagna moralizzatrice. Ha cominciato con i primi tre sfratti coatti a Ragusa e Scicli ed intende continuare su questa strada per rimettere bi conti in sesto.

Le cifre che lo Iacp fornisce fanno pensare e chiamano in causa i presidenti degli ultimi dieci anni almeno che hanno tollerato, per motivi di opportunità politica o di convenienza che la situazione si incancrenisse fino al punto di non ritorno. Ragusa è il comune più moroso; su 800 assegnatari ben 475 non pagano ed il debito solo per il comune capoluogo ammonta a due milione 261mila euro; a Scicli 310 morosi su 414 assegnatari e debito ad un milione 897mila euro; a Modica 266 inquilini che non pagano su 335 assegnatari per un debito di un milione e mezzo di debito; a Vittoria il debito è solo di un milione con 310 morosi; anche nei comuni più piccoli della provincia non si scherza ed è la conferma che non pagare è la regola, o quasi. Per favorire il pagamento del debito il presidente Cultrera consentirà il pagamento degli arretrati in 72 rate, ma basterà a fronte di un malcostume dilagante e di situazioni oggettive di disagio?