Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 668
RAGUSA - 14/10/2009
Attualità - Ragusa: dopo le polemiche degli scorsi giorni

Centri commerciali naturali, a Ragusa c´è unità d´intenti

Cosentini: "E’stato assunto l’impegno di sgombrare il campo da tutti gli ostacoli, per dare vita ad una linea d’azione univoca"

Ricercare unitarietà d’intenti. E’ l’impegno con cui, nei locali dell’assessorato allo Sviluppo economico del Comune di Ragusa, si sono lasciati i rappresentanti delle associazioni datoriali di categoria, Confesercenti, Confcommercio, Cna e Confindustria, che hanno partecipato alla riunione promossa dal vice sindaco Giovanni Cosentini per fare il punto sulla vicenda dei centri commerciali naturali.

«E’ stato assunto l’impegno – chiarisce Cosentini – di sgombrare il campo da tutti gli ostacoli emersi in questi giorni per dare vita ad una linea d’azione univoca. L’obiettivo che ci siamo posti è quello di lavorare per la creazione di tre centri commerciali naturali, così come era stato deciso all’inizio, cioè uno a Ibla, uno nel centro storico superiore e un altro nella zona industriale. La Confesercenti - prosegue Cosentini - ha chiesto la possibilità di un ulteriore confronto al proprio interno e per questo motivo la riunione verrà riaggiornata a venerdì mattina, 16 ottobre. Ho molto apprezzato la volontà di dialogo emersa tra le parti. Sostengo che questo sia l’atteggiamento giusto per portare avanti una progettualità specifica sui Centri commerciali naturali che, come ho già ribadito, non ha bisogno di contrapposizioni bensì la necessità di garantire la creazione di un fronte comune.

In questo senso l’Amministrazione comunale cercherà di farsi garante di tutte le iniziative che saranno intraprese per portare a compimento l’iter procedurale in tempi rapidi. Entro la fine di questo mese - conclude Cosentini - le pratiche per la costituzione dei Ccn dovranno essere trasmesse alla Regione per l’accreditamento».