Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 716
RAGUSA - 10/10/2009
Attualità - Ragusa: Ciccio Sultano è indicato tra gli chef di «caratura mondiale»

Tre ristoranti al top in provincia nella guida Espresso

Il Duomo di Ragusa Ibla è l’unico ad avere ottenuto i tre cappelli dell’eccellenza con il punteggio massimo di 18 Foto Corrierediragusa.it

Tre ristoranti al top in provincia di Ragusa nella guida dell’Espresso 2010. Ciccio Sultano (nella foto) non è primo solo in Sicilia , ma è indicato tra gli chef di «caratura mondiale» ed il Duomo di Ragusa Ibla è l’unico ad avere ottenuto i tre cappelli dell’eccellenza con il punteggio massimo di 18. I due cappelli vanno alla Madia di Licata di Loredana e Pino Cutaia, mentre a quota 16 c’è un altro ristorante ragusano, Don Serafino di Pinuccio La Terra, appena un punto sotto «La Fattoria delle Torri» di Peppe Barone a Modica l al quale vengono riconosciute anche doti di sapiente docente. Nella guida dell’Espresso manca, ed è una novità, la Gazza Ladra di Modica Alta di Accursio Capraro, una stella Michelin lo scorso anno. «Purtroppo è stata una dimenticanza dei curatori della guida- dice lo chef del ristorante modicano- La Gazza Ladra ha migliorato la posizione dello scorso anno, 15,5, e si colloca tra i migliori ristoranti siciliani».

La provincia di Ragusa si conferma in Sicilia quella con il più alto numero di locali selezionati in rapporto alla popolazione residente e soprattutto al top della qualità grazie all’opera ormai avviata da anni di rivisitazione della cucina del territorio con abbinamenti e proposte innovative. «La Sicilia – dice Enzo Vizzari, curatore della guida- è la regione che ha rallentato di più rispetto al resto d’Italia. La crisi ha investito ristoranti ed alberghi ed abbiamo registrato molte chiusure, un vero e proprio «annus horribilis». Tra i ristoranti cult siciliani si confermano il Bye Bye blues e l’Osteria dei vespri a Palermo. A Catania tra i nuovi ingressi c’è il ristorante «I Crociferi» con i suoi pan zozzi ripieni di cernia . A Siracusa palma d’oro a Don Camillo in Ortigia mentre La Capinera è l’indirizzo esclusivo di Taormina.