Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 807
RAGUSA - 04/10/2009
Attualità - Ragusa: Ca’ Foscari di Venezia, Lum di Bari, Federico II di Napoli, Cattolica di Milano

Quattro università pronte ad aprire corsi di laurea a Ragusa

Il primo obiettivo del Consorzio universitario ibleo è tuttavia quello di consolidare gli iscritti e di puntare ad irrobustire i numeri

Ca’ Foscari di Venezia, Lum di Bari, Federico II di Napoli, Cattolica di Milano sono interessate ad aprire corsi di laure in provincia. Lo assicura il presidente del consorzio universitario Giovanni Mauro che sta valutando insieme agli altri componenti il cda le varie opzioni. Ragusa vuole affrancarsi da Catania e sta cercando altre strade; la prima che ha percorso sin da questo anno accademico è quella del corso di scienze politiche in collaborazione con l’università di Messina.

Il primo obiettivo del consorzio è tuttavia quello di consolidare gli iscritti e di puntare ad irrobustire i numeri. In provincia di Ragusa gli studenti universitari sono al momento 3mila 332 mentre per le quattro facoltà gestite direttamente nel capoluogo gli studenti sono 2 mila 291. «I numeri sono importanti –dice il presidente Mauro- Il ministero infatti deciderà sull’istituzione dell’università a Ragusa sulla base della popolazione studentesca ed io vedo che già i numeri ci sono. I numeri che arrivano in questi giorni dalle segreterie dei vari corsi ci confortano e fanno pensare ad un mantenimento delle posizioni se non ad un lieve aumento».

Giovanni Mauro ha intanto saldato la rata con scadenza 30 settembre con l’università di Catania «Abbiamo versato quanto dovuto, adesso notiamo maggiore rispetto da parte del rettore Antonio Recca. Il pagamento puntuale dimostra che non era vero che eravamo pieni di debiti. Il pagamento ci farà risultare a credito con Catania, perché il rendiconto che ci è stato trasmesso contiene spese infondate . Adesso, abbiamo il tempo per valutare compiutamente l´offerta dell´Università di Catania, ma anche quelle che arrivano altri atenei. Noi vogliamo mantenere le facoltà ed avviare i master di alta formazione, per i quali siamo stati accreditati dalla Regione».

Buone notizie arrivano anche da Modica dove il consiglio di facoltà di scienze politiche ha approvato il tutoraggio presso il corso di laurea in scienze del governo e dell’amministrazione. Il tutoraggio vorrà dire che gli studenti potranno seguire le lezioni al S. Martino a Modica Alta e sostenere anche alcuni esami. Allo stato attuale il corso di laurea in scienze del governo conta 500 iscritti.