Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1014
RAGUSA - 04/10/2009
Attualità - Ragusa: la disinfestazione fatta dal Comune sarebbe inefficace

M. di Ragusa invasa dalle mosche, intervenga la Provincia

Il capogruppo Idv Iacono si rivolge all’assessorato provinciale all’Ambiente. «Il Comune ha fallito, intervenga viale del Fante, perché a Marina ci sono più mosche che in Africa» Foto Corrierediragusa.it

«Ci sono più mosche a Marina di Ragusa che in Africa! La disinfestazione fatta dal Comune è fallita, intervenga con urgenza la Provincia». Il termine di paragone lo ha fatto il capogruppo consiliare di Idv a viale del Fante Giovanni Iacono (nella foto). L´esponente di IdV hiede un intervento di disinfestazione urgente all’assessore al Territorio e Ambiente della Provincia perché è impossibile stazionare nel territorio di Marina di Ragusa senza essere invasi e infastiditi da miliardi di mosche. Tutto ciò ha riflessi gravi sia di natura igienico-ambientale che turistica (molti operatori che faticosamente stanno avviando azioni di destagionalizzazione delle loro attività hanno già subito enormi danni per le lamentele dei turisti)».

Si tratta della seconda richiesta d’intervento igienico – sanitario per la frazione marinara. Qualche mese fa, sostiene Iacono, il capogruppo consiliare al Comune Salvo Martorana sollevò il problema denunciando l’invasione di mosche. «Tutto ciò –scrive Iacono- arreca anche un irreversibile danno di immagine per l’intero territorio e vanifica gli sforzi e gli investimenti effettuati in ambito turistico. Nel mese di dicembre ho visto meno mosche in Africa che a Marina di Ragusa. Spero che l’amministrazione comunale dica ai cittadini quanto è stato speso per la disinfestazione e dato alla ditta che raccoglie i rifiuti».