Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 477
RAGUSA - 19/09/2009
Attualità - Ragusa: locali ristrutturati al Ferraris nel capoluogo ibleo

Anno scolastico 2009/10: nuovi edifici a Ragusa e Modica

A Modica aule spaziose alla Giovanni XXIII e alla Ciaceri

L’anno scolastico è cominciato a Ragusa con l’inaugurazione di un nuovo edificio scolastico. E’ quello di contrada Nunziata dove sono ospitate tredici aule del professionale Ferraris che si ricongiunge così all’istituto per il Commercio formando un unico polo professionale. Chiude così la vecchia sede di piazza Carmine e quella di via Aldo Moro sarà destinata invece allo scientifico Fermi bisognoso di nuovi locali.

In termini pratici per l’amministrazione provinciale si realizza un risparmia di 100 mila euro di fitto l’anno e dal punto di vista didattico la concentrazione dei due istituti vuol dire più efficienza. La nuova ala di contrada Nunziata è stata costruita dall’amministrazione provinciale grazie a tre stralci che hanno comportato in tutto una spesa di 5 milioni e 400mila euro ma il presidente Franco Antoci ha annunciato che l’edificio sarà completato con palestra, parcheggi ed altre aule grazie ad un ulteriore finanziamento di due milioni 250mila euro già deliberati nel piano triennale delle opere pubbliche.

Buone notizie vengono dall’edilizia scolastica anche da Modica. La prima è quella aperta lunedì scorso presso l’edificio della Giovanni XXIII dove nel secondo plesso sono state sistemate dodici classi grazie ad un lavoro di ristrutturazione della struttura. La seconda è l’apertura della sezione comprensiva della Ciaceri presso il Boccone del Povero. Qui l’amministrazione ha ottenuto dodici locali dove ha sistemato quattro sezioni di scuola materna e sette delle elementari. Si tratta di classi provenienti rispettivamente da Villa Cascino, sempre al quartiere Dente e da Piano Ceci. Questo edificio rurale, preso in affitto da anni, è stato lasciato ed il trasferimento delle classi consentirà di concentrare in un unico stabile le sezioni con giovamento per il trasporto e per il servizio mensa.