Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 952
RAGUSA - 10/11/2007
Attualità - Ragusa - Il progetto è visto da IdV come una risorsa per il territorio

Italia dei Valori replica a Motta:
"Il parco degli Iblei è utile"

Ma il presidente dell’Asi la pensa agli antipodi Foto Corrierediragusa.it

"Il Parco degli iblei è una risorsa, ultima e unica possibilità di salvaguardia di ciò che resta di un territorio danneggiato e oltraggiato da speculatori, cementificatori e imprese multinazionali di ogni genere, favoriti da una politica compiacente e soggiacente". Destinatario della frecciata caustica di Italia dei Valori, il presidente delll’Asi Gianfranco Motta (nella foto), che avrebbe ritenuto inutile il Parco degli iblei.

A far quadrato attorno alla struttura ambientale, Giovanni Iacono, capogruppo consiliare alla Provincia, Salvatore Martorana, al Comune, Fabio Antoci e Marina Giuseppe Rosetta, consiglieri circoscrizionali. "Il Parco degli Iblei ? si legge nelal nota di Idv- è una iniziativa di tante persone di buona volontà che hanno svolto un lavoro encomiabile; è anche l´unica grande opportunità di sviluppo, e avere già un riconoscimento nazionale (con il passaggio al Senato) di Istituzione del Parco è un evenbto da guardare con gioia, altro che "aberrazione"! Secondo la nota di Idv, il presidente dell’Asi ha definito il Parco, un "circolo di estremisti minoritari che ritiene che lo sviluppo della nostra provincia possa passare da aziende zootecniche o da agriturismi".

Italia dei valori risponde con cifre alla mano: "Si riduce il turismo ecologico che movimenta 5 miliardi di euro con 5,7 milioni di presenze annue in 12.660 aziende agri-turistiche con 100.000 posti di lavoro creati (ai quali si aggiungono oltre 3,5 milioni di turisti solo per le mete enograstronomiche) a "posizioni minoritarie di estremiste". Che ben vengano gli "estremisti" se consentiranno a questa Provincia di avere uno sviluppo sostenibile".