Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 551
RAGUSA - 20/08/2009
Attualità - Ragusa: l’azzeramento nelle Ausl. Manno: "Mi hanno scaricato perchè sono amico di Leontini"

Direttori generali defenestrati, ricorso al giudice del lavoro

I "silurati" pretendono il rispetto del contratto. Caustico l’ex direttore generale dell’Ausl 7: "Una balla l’azzeramento e l’età, Pecoraro è stato riconfermato e Poli ha 72 anni»
Foto CorrierediRagusa.it

La voce di Fulvio Manno (nella foto) è fine e leggera come una carezza, ma i contenuti che emette sono stilettate dritte al cuore della politica e delle istituzioni. Perché vanta, ma non mostra, due lettere «istituzionali» che accreditano l’Ausl 7 di Ragusa come una struttura sanitaria efficace ed efficiente che ha centrato gli obiettivi secondo i pur rigidi parametri imposti dagli assessori regionali di turno.

«Perché m’hanno fatto fuori»? s’interroga il direttore generale giunto a piazza Igea nell’aprile 2005 e destinatario di un provvedimento di «sfratto» entro 31 agosto 2009. Ci ragiona e si dà spiegazioni ad alta voce, non prima di far capire che tutti i direttori generali siciliani «defenestrati», i cui contratti scadranno in futuro si rivolgeranno al giudice del lavoro per ottenere i «ratei maturandi e da riscuotere». Il suo contratto scadrà il 30 aprile del 2010. Da settembre ad aprile sono 8 mesi tondi tondi di uno stipendio che non è mica quello di un travet qualsiasi.

-Domanda. Capziosa ma dovuta. Può essere che lo «sponsor» di Innocenzo Leontini abbia triturato anche lei perché mai e poi mai Raffaele Lombardo avrebbe confermato all’Asp di Ragusa un uomo vicino a un acerrimo nemico che gli ha fatto la guerra da capogruppo Pdl in occasione dell’azzeramento e del rimpasto dell’ultima giunta di governo regionale? Domanda lunga, risposta brevissima.

«No non può essere, è».

-Mi dà una spiegazione?

«Nei giudizi che qualcuno ha espresso sull’Ausl 7, non solo orali ma anche scritti, la meritocrazia è al primo posto per gli obiettivi raggiunti col massimo risparmio e per quello che si sarebbe dovuto fare. Il mio fiore all’occhiello? I dementi di Scicli che sotto la mia gestione hanno riacquistato la dignità che avevano perso. E se quei giudizi meritocratici non vengono tenuti in considerazione vuol dire ci sono altri motivi».

-Direttore, hanno cambiato tutti, non solo lei e il suo collega Calogero Termini!

-«Balle! Giuseppe Pecoraro a Messina che da commissario diventa direttore rientra nell´azzeramento?»

-C’è sempre un’eccezione alla regola! Ma anche il fattore età avrà sicuramente influito sulle scelte…!

«Seconda balla ancora più grossa. I 72 anni di Francesco Poli mandato al «Cannizzaro» di Catania cosa sono una ventata di giovinezza?»

-E allora cosa mi dica lei cosa farà da grande con i suoi 65 anni da compiere nel prossimo novembre.

«Come cantava Lucio Battisti, qualcosa farò, sì qualcosa di sicuro io farò…». Di sicuro, con questa vis polemica e la battuta sempre pronta, ironica e pungente che si ritrova, come la maggior parte dei palermitani di razza, Fulvio Manno invecchierà tardissimo.

LE NOMINE DEI NUOVI MANAGER
Fra i 17 nuovi manager delle Asp (Aziende sanitarie provinciali) siciliane ci sono anche due vittoriesi. Salvatore Cirignotta, 50enne, magistrato, già direttore generale di un’azienda ospedaliera di Roma, e Armando Caruso, già direttore amministrativo all’Ausl 7 di Ragusa, uomo molto vicino all’ex assessore al Lavoro Carmelo Incardona. Al primo è stata affidata l’Asp 6 di Palermo; al secondo l’Azienda Papardo di Messina. A dirigere la nuova Asp 7 di Ragusa dal primo settembre, in sostituzione di Fulvio Manno e Calogero Termini, arriverà Ettore Gilotta.

Va via dunque anche Calogero Termini, visto che l´azienda ospedaliera sarà accorpata al nuovo organismo sanitario Asp, che comprenderà anche la stessa Ausl 7. Fulvio Manno e Calogero Termini non sono quindi stati riconfermati, nell´ambito dell´azzeramento programmato per tutti gli uscenti.

Le nomine sono state fatte nella serata di martedì dalla giunta Lombardo al termine della riunione dell’esecutivo. E’ passata la linea del governatore e dell’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo: azzeramento di tutti i precedenti manager. Come accennato, escono di scena, nel campo sanitario, l’avvocato Fulvio Manno e il dottore Calogero Termini, direttori generali dell’Ausl 7 e dell’Azienda ospedaliera, che, con il già citato accorpamento che entrerà in vigore dal 1° settembre, diventeranno un’unica struttura ospedaliera, l´Asp, per l´appunto.

Soddisfazione da parte dei massimi rappresentati del governo siciliano. «In meno di un anno- ha detto Lombardo- abbiamo raggiunto obiettivi inimmaginabili». Per l’assessore Russo le nomine fatte a tempo di record hanno «scongiurato il commissariamento e consentito una riforma che renderà più efficiente e rispondente alle esigenze dei cittadini il sistema sanitario».

Come voluto dal governatore e dall’assessore, nessuno degli uscenti è stato riconfermato, mentre i nuovi sono stati scelti sulla base dei curriculum e di rigidi criteri di valutazione degli obiettivi di gestione. Salvatore Cirignotta, vittoriese, magistrato di professione, figlio dell’avvocato Cirignotta, rientra in Sicilia, all’Asp 6 di Palermo. Armando Caruso, un uomo che ha dedicato tutta la carriera all´Ausl 7 come dirigente amministrativo dovrà recarsi a Messina.

Adesso le nomine passeranno all´esame della Prima Commissione Affari istituzionali presieduta dal deputato regionale Mpa Riccardo Minardo, attualmente a Lourdes per un breve periodo di vacanza spirituale, che dovrebbe confermare le nomine fatte dalla giunta.

L’elenco completo dei nuovi manager della sanità siciliana

Salvatore Olivieri Asp 1 Agrigento

Paolo Salvatore Cantaro Asp 2 Caltanissetta

Giuseppe Calaciura Asp 3 Catania

Nicola Renato Baldari Asp 4 Enna

Salvatore Giuffrida Asp 5 Messina

Salvatore Cirignotta Asp 6 Palermo

Ettore Gilotta Asp 7 Ragusa

Franco Maniscalco Asp 8 Siracusa

Fabrizio De Nicola Asp 9 Trapani

Francesco Poli Azienda Cannizzaro Catania

Armando Caruso Azienda Papardo Messina

Salvatore Di Rosa Azienda Cervello – Villa Sofia Palermo

Angelo Pellicanò Azienda Garibaldi Catania

Dario Allegra Azienda Civico Palermo

Ignazio Tozzo Azienda Policlinico Vittorio Emanuele di Catania

Giuseppe Pecoraro Azienda Policlinico Messina

Mario La Rocca Azienda Policlinico Palermo