Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1503
RAGUSA - 15/08/2009
Attualità - Ragusa: era stata voluta dall’amministrazione per mantenere decorosi gli arenili

Ragusa: conclusa l´operazione "Spiagge pulite"

A coordinare gli interventi è stato il comandante Rosario Spata su direttive del sindaco Nello Dipasquale e dell’assessore al ramo Michele Tasca

Si è conclusa a ferragosto l’operazione «Spiagge Pulite», voluta anche quest’anno dall’Amministrazione comunale di Ragusa per mantenere decorosi gli arenili più frequentati a Marina di Ragusa e per garantire la massima sicurezza ai numerosissimi fruitori e turisti. L’operazione è partita alle 15 di venerdì pomeriggio con l’impiego complessivo di 90 unità su due turni. Il servizio è stato reso da 45 volontari delle associazioni che hanno attivato da anni una proficua collaborazione con il Comune capoluogo e da 45 agenti della Polizia Municipale.

A coordinare gli interventi è stato il comandante Rosario Spata su direttive del sindaco Nello Dipasquale e dell’assessore al ramo Michele Tasca. Un supporto è stato offerto anche da Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza. In pratica si è proceduto al totale rispetto dell’ordinanza comunale che recepisce la relativa direttiva dell’Assessorato regionale al Territorio ed Ambiente emanata nel luglio del 2007, secondo la quale sono vietati attendamenti sulle spiagge, l’accensione di falò, abbandono di rifiuti e il campeggiare. L’obiettivo è stato proprio quello di far rispettare l’ordinanza emanata contro quella che è un’abitudine di molte persone, anche provenienti da altre parti della Sicilia, ovvero quella di ritrovarsi in spiaggia per accendere dei fuochi nella notte di San Lorenzo e, come in questo caso, nella notte a cavallo tra il 14 e il 15 agosto.

«Non siamo contro i momenti di aggregazione – spiegano il sindaco e l’assessore Tasca – ma siamo per il rispetto delle regole e per garantire massima sicurezza sulle nostre spiagge. Non è pensabile che si possano accendere impunemente fuochi tra l’altro lasciando spesso i residui sulle spiagge a discapito dei fruitori del giorno dopo. Ecco perché anche per quest’anno abbiamo voluto, con successo, avviare questo tipo di intervento che può da una parte sembrare restrittivo ma dall’altra garantisce tutti. Non impedisce di ritrovarsi in spiaggia per qualche ora e intende, com’è poi avvenuto, mantenere puliti e sicuri gli arenili tra l’altro molto frequentati».

L’ordinanza riguardava la fascia di spiaggia compresa tra il depuratore e il nuovo porto turistico di Marina di Ragusa. Il servizio si è sviluppato fino alle 3 di questa notte. Avendo poi notato che ugualmente si sono verificati degli attendamenti, si è proceduto ad un nuovo turno a partire dalle 6 del mattino, ancora una volta con vigili urbani e volontari che hanno invitato al pieno rispetto quanti hanno disatteso l’ordinanza.

«Alle 8,30 di stamani – conclude l’assessore Tasca - il litorale risultava essere totalmente pulito, proprio come nei nostri obiettivi. Siamo stanchi, visto che abbiamo seguito da vicino tutta l’operazione, ma assolutamente soddisfatti».

Un sentito ringraziamento arriva da parte del sindaco: «Il nostro ringraziamento va al comandante della Polizia Municipale, a tutti gli agenti e a tutti i volontari, ma anche alle Forze dell’Ordine, che hanno lavorato in sinergia per questa importante operazione. Quando mi sono insediato c’era questo problema, visto che il 15 agosto mattina, eravamo abituati a trovare una sorta di tendopoli su tutto il litorale. Dopo due anni di esperienza, possiamo dire che siamo riusciti a riportare ordine rispetto a quella che era una cattiva abitudine perpetrata da tante persone provenienti da ogni parte della Sicilia. Un altro particolare ringraziamento va fatto nei confronti dei lavoratori della ditta Busso che si sono adoperati e si stanno adoperando per la pulizia della frazione marinara».