Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 290
RAGUSA - 04/08/2009
Attualità - Ragusa: il nulla osta del ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo

Raddoppio 514 Rg-Ct: parere favorevole da Roma

Soddisfazione del presidente della provincia Franco Antoci e dell’on Nino Minardo: "Adesso la parola passa al Cipe. Vigileremo sull’ultima fase dell’iter"

Via libera al raddoppio della 514 Ragusa - Catania. Dopo oltre un ventennio di attesa, pare manchi poco ormai alla concretizzazione del raddoppio di carreggiata, grazie alla firma del parere favorevole da parte del ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo. Adesso il progetto del raddoppio della Ragusa–Catania passerà all´attenzione del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) per l´approvazione definitiva.

Ne dà notizia l´on Nino Minardo, il quale dichiara che "Si tratta di un parere che fa il paio con quello espresso lo scorso fine settimana dal Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. Sono i due atti propedeutici a concludere venti anni di lunga ed estenuante attesa. Il mio impegno - aggiunge Minardo - sarà adesso quello di fare in modo che già dalla prossima riunione del Cipe possa scaturire l’approvazione del progetto e la consequenziale indizione del bando di gara".

Soddisfatto anche il presidente della provincia Franco Antoci, il quale ha preso atto che il suo appello lanciato per conto del comitato ristretto che segue tutto l’iter procedurale dell’opera, è stato raccolto dai parlamentari nazionali iblei che si sono prodigati per ottenere la firma dei due ministri.

«Mi ha chiamato Nino Minardo – dice Antoci – dandomi notizia della firma del ministro Prestigiacomo. Abbiamo fatto in fretta perché a distanza di una settimana dall’ultimo incontro all’Anas, vi è stata la piena risposta degli esponenti del Governo Nazionale.

Ora dobbiamo accelerare col presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e domani che sarò a Palermo per altri impegni istituzionali cercherò di sollecitare anche la sua firma in modo che il progetto vada al ministero delle Infrastrutture completo di tutti i pareri e le firme e possa così pervenire al Cipe».