Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1091
RAGUSA - 31/07/2009
Attualità - Ragusa: il consiglio comunale ha dato il via ad un ulteriore intervento

5 milioni di euro per Ragusa Ibla, accordo bipartisan

50mila euro serviranno per l’acquisto della ex chiesa di Santa Maria dei Miracoli,la cosiddetta «La Bambina»

Accordo bipartisan per il piano di spesa per la ripartizione dei cinque milioni di euro della legge su Ibla. Si tratta del finanziamento relativo al triennio 20092011 ed è più corposo di 750mila euro rispetto al precedente. Con il solo voto contrario di Salvo Martorana, IdV, il consiglio comunale di Ragusa ha dato il via ad un ulteriore intervento sul centro storico della città barocca. Tre milioni saranno utilizzati per la nuova circonvallazione anche se su questa pesa il no della sovrintendenza ai beni culturali; altri 50mila euro serviranno per l’acquisto della ex chiesa di Santa Maria dei Miracoli,la cosiddetta «La Bambina».

La restante parte del finanziamento regionale serve per aggiornare i prezzi degli interventi non ancora portati a compimento. «Abbiamo voluto privilegiare gli adeguamenti ed i completamento – spiega il sindaco Nello Di Pasquale, regista dell’accordo bipartisan – Ritgeno infatti che piuttosto che pensare a nuove opere bisogna pensare a completare quelle già avviate. Niente più parcheggi dunque e circonvallazioni incomplete, piuttosto abbiamo pensato all’adeguamento delle somme per il nuovo prezziario regionale». «La Bambina» si trova sulla circonvallazione di Ibla ed è uno dei 18 monumenti dichiarati patrimonio dell’Umanità dall’Unesco ed è stata messa in vendita dal proprietario per cui il consiglio comunale ha colto al volo l’occasione di valorizzare il già cospicuo patrimonio architettonico di proprietà pubblica.