Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 715
RAGUSA - 18/07/2009
Attualità - Ragusa: aveva 83 anni. Si è spento nella sua città natale di Montedoro

L´ultimo saluto a Mons. Rizzo. Sarà tumulato nella cattedrale di S. Giovanni

Il ricordo dell’attuale Vescovo Urso e del presidente della Provincia Antoci

Una folla immensa di fedeli ha seguito sabato a Montedoro, in provincia di Caltanessetta, i funerali del Vescovo emerito della Diocesi di Ragusa Monsignor Angelo Rizzo, la cui salma sarà tumulata all´interno della cattedrale di San Giovanni Battista

L’ultimo saluto a Mons. Rizzo è stato rivolto nella sua città natale. La concelebrazione è stata presieduta da Mons. Mario Russotto, vescovo di Caltanissetta, uno dei 40 sacerdoti ordinati durante il suo episcopato da monsignor Angelo Rizzo. Al rito funebre hanno altresì preso parte l’attuale vescovo della Diocesi di Ragusa Mons. Paolo Urso, e numerosi sacerdoti.

Nei prossimi giorni una messa commemorativa sarà celebrata anche in cattedrale. Per la tumulazione a San Giovanni (che già ospita le spoglie di monsignor Francesco Pennisi, monsignor Giovanni Iacono e monsignor Carmelo Canzonieri) si dovrà invece attendere ancora qualche settimana, il tempo di ottenere le autorizzazioni sanitarie e della Soprintendenza. È probabile che il rito della sepoltura tra le navate della cattedrale avvenga il 31 ottobre, nell´anniversario dell´ordinazione sacerdotale di monsignor Angelo Rizzo.

Il suo successore, monsignor Paolo Urso, individua i tratti distintivi dell´azione pastorale di monsignor Rizzo: «Credo che monsignor Rizzo – esordisce il vescovo – vada ricordato per almeno cinque diverse caratteristiche: l´infaticabilità che lo portava a spendersi senza mai risparmiarsi; la preoccupazione dell´annuncio che lo induceva a parlare e comunicare con ogni mezzo; l´impegno sociale e caritativo che ha avuto nell´accoglienza dei profughi kossovari il momento più alto; la convocazione del primo sinodo diocesano che ha offerto spunti importanti di condivisione e di confronto; l´accettazione della sofferenza in una fase della sua vita nella quale ha, comunque, continuato a servire la Chiesa».

Mons. Angelo Rizzo è scomparso all´età di 83 anni. Mons. Era stato ordinato sacerdote nel 1948, nominato vescovo da Paolo VI nel 1974. Mons. Rizzo era stato consacrato nella Cattedrale di Caltanissetta il 18 marzo 1974. Poi aveva avviato il suo ministero episcopale a Ragusa, durato ininterrottamente 28 anni, fino al 2002, quando gli succedette l´attuale Vescovo Mons. Paolo Urso.

La scomparsa del Vescovo emerito Mons. Angelo Rizzo si è diffusa subito a
Ragusa e in tutta la diocesi. Il presidente della Provincia Franco Antoci
ricorda così il vescovo che ha retto la diocesi dal 1989:

«Scompare con monsignore Angelo Rizzo - ricorda Antoci - un pastore buono che
ha guidato la chiesa iblea per un lungo e fecondo periodo. Il mio impegno nel
laicato cattolico e quello politico mi consentono di affermare che egli è stato
sempre affettuosamente vicino a me, come a tutti spendendosi senza riserve, fino
alla conclusione del suo ministero episcopale, per la crescita della comunità
cristiana e del nostro territorio. La lunga malattia ha provato la sua forte
fibra, ma non certamente il suo spirito che è rimasto sempre vivace e legato
alla « sua» diocesi.

Nell’esprimere alla sua famiglia la grande partecipazione della comunità
provinciale e mia personale al loro dolore, sono certo che il grande patrimonio
di opere materiali e soprattutto spirituali del vescovo Rizzo resteranno per
sempre nel cuore di tutti coloro che lo abbiamo conosciuto, apprezzato, e
voluto bene».