Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 615
RAGUSA - 10/07/2009
Attualità - Ragusa: secondo la Cna "siamo messi davvero male"

Fondi Europei e aree artigianali, territorio ibleo snobbato

Cannella: «Vittoria esclusa dalla graduatoria dei progetti regionali»

«Se è questo l’esordio della provincia di Ragusa con riferimento alla prima assegnazione dei fondi europei, allora siamo messi davvero male».

Il presidente provinciale della Cna, Giuseppe Cascone, e il segretario provinciale dell’organizzazione di categoria, Giovanni Brancati, hanno lanciato, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, un accorato grido d’allarme dopo aver preso atto del decreto di approvazione della graduatoria per l’assegnazione dei finanziamenti, con riferimento alle aree artigianali in Sicilia, da parte dell’assessorato regionale alla Cooperazione. Decreto dal quale si evince che, a fronte di 92.784.000 di euro di fondi effettivamente assegnati (95.129.000 le somme totali a disposizione), solo tre milioni di euro sono arrivati in provincia di Ragusa. Si tratta del progetto della zona artigianale di Monterosso Almo.

«Il progetto di Monterosso – ha sottolineato Cascone – si è classificato al quarto posto su 37 in graduatoria, per quanto concerne i Comuni ammessi e finanziati. Ha ottenuto 79 punti su cento. Una performance di tutto rispetto».

«Lo stesso non si può dire – ha aggiunto il segretario Brancati – dei Comuni di Scicli, 35 punti, e Vittoria, solo 3 punti, che sono stati sì ammessi in graduatoria ma nella lista dei Comuni in attesa di finanziamento, quindi con la speranza di eventuali assegnazioni. Peggio di tutti ha fatto il Comune di Modica escluso assieme ad altri 33 Comuni in Sicilia. Singolare la motivazione dell’esclusione: per aver presentato l’istanza in ritardo».

«E’ una materia che ci tocca da vicino – ha detto ancora il presidente provinciale di Cna – perché dobbiamo mettere le imprese nella condizione di fare impresa. Come organizzazione di categoria abbiamo più volte sollecitato i Comuni a sfruttare al massimo le occasioni fornite dai bandi comunitari. Ma, come in questo caso, siamo rimasti, nella maggior parte dei casi, inascoltati. Non sappiamo a cosa sia dovuto tutto ciò. Ma ci sentiamo di addebitare delle responsabilità precise ad una classe dirigente poco attenta, inefficace, che avrebbe dovuto sottolineare meglio determinate opportunità che, invece, sono mancate. Territori provinciali come quello di Catania si sono aggiudicate somme pari a 20,3 milioni di euro. E ciò non solo per merito loro ma anche e soprattutto per demerito nostro».

Il segretario Brancati, inoltre, ha messo in evidenza come «senza programmazione non si va da alcuna parte. E la riprova più evidente è arrivata da questo bando che ha evidenziato l’incapacità progettuale di enti locali che avrebbero avuto tutte le carte in regola per poter attingere ai suddetti fondi. Vogliamo dunque richiamare le Amministrazioni territoriali ad una maggiore attenzione su questo fronte. Altrimenti i milioni della Comunità europea passeranno sulle nostre teste e quasi non ce ne accorgeremo. Inoltre, così come ha fatto Monterosso Almo nel suo progetto, è opportuno che possa attivarsi un corretto utilizzo dei fondi ex Insicem affinchè gli stessi abbiano quell’effetto moltiplicatore da tutti auspicato ma che nei fatti è diventato concreto solo in minima parte».

Cannella: «Vittoria esclusa dalla graduatoria dei progetti regionali»
I progettisti poco all’altezza della situazione o qualcuno alla Regione ci vuole male? Qualcuno dovrà dare spiegazione al sindaco e poi agli artigiani. Le richieste di finanziamento promosse dal Comune di Vittoria per creare o consolidare sistemi infrastrutturali presso l´area artigianale di Vittoria sono state bocciate dalla Regione Sicilia.

«Sorprende rilevare –scrive il consigliere di Bellaciao Peppe Cannellache -nella graduatoria dei progetti Vittoria è fanalino di coda. Cosa sarà mai successo, questioni formali o inadeguatezza dei progetti presentati? Sembrerebbe che il Comune di Vittoria abbia perso il treno dei finanziamenti comunitari per avere curato poco bene, nei progetti presentati, quattro dimensioni qualitative fondamentali: eco-innovazione, salvaguardia energetica, ricadute occupazionali, saturazione dei siti. Non è un caso che su 100 punti disponibili il Comune di Vittoria è in graduatoria con soli 3 punti...»

In una fase economica durissima per il comparto artigianale e l´economia ipparina è grave perdere finanziamenti e vedere allontanarsi la possibilità di creare infrastrutture importanti.

«E´ necessario che l´Assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Vittoria- conclude Cannella- dia urgenti chiarimenti su queste vicende direttamente in Consiglio Comunale al fine di comprendere come siano andate le cose e per cercare di capire come intende evitare future analoghe bocciature.