Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1125
RAGUSA - 02/07/2009
Attualità - Ragusa si piazza al quinto posto nell’isola e risulta il capoluogo meno insidiato

Pirateria informatica, la Sicilia colpita dal fenomeno

Microsoft ha rilevato in una sua nota che l’alto tasso di pirateria riduce il numero dei posti di lavoro e di entrate per l’erario

La Sicilia è la seconda regione italiana per pirateria informatica. Calabria e Campania condividono il non invidiabile primato della prima posizione. Trapani è la prima delle nove provincie siciliane dove si registra l’offerta più alta, il 51 per cento, di software non originale secondo i dati diffusi dalla Microsoft. Ragusa si piazza al quinto posto nell’isola e risulta il capoluogo meno colpito dalla pirateria informatica con il 25 per cento di prodotto venduto, al secondo posto in Sicilia Catania con il 47 per cento, Siracusa, 45, Caltanissetta, 41, 7 per cento.

Microsoft ha accertato che su un campione di 800 rivenditori uno su due ha proposto software non originale nel 2005 mentre il dato è calato al 36 per cento nel 2006 ed al 30 per cento nel 2008 con un diminuzione del 17 per cento. La multinazionale ha rilevato in una sua nota che l’alto tasso di pirateria riduce il numero dei posti di lavoro e di entrate per l’erario mentre l’acquisto di software contraffatto espone l’utente ad attacchi informatici senza potere usufruire di protezioni ed aggiornamenti.